Notizie | Commenti | E-mail / 06:23
                    








Canicattì, tentato omicidio a sfondo passionale: chiesti 20 anni di carcere

Scritto da il 3 dicembre 2019, alle 07:06 | archiviato in Canicattì, Cronaca. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Il sostituto procuratore della Repubblica di Agrigento Alessandra Russo ha avanzato, al termine della requisitoria durata oltre un’ora, la richiesta di condanna a venti anni di reclusione nei confronti del pastore canicattinese  accusato del tentato omicidio ai danni del rivale in amore avvenuto il 22 giugno 2017 a Canicattì.

La vicenda scaturisce dalla sparatoria in vicolo Stamura, centro storico del popoloso paese agrigentino, in cui viene ferito alla coscia e all’addome un pastore di Canicattì. Secondo l’accusa il movente sarebbe del tutto passionale.

Come spiegato in aula dallo stesso pm è paradossale che a fornire il movente del tentato omicidio sia il presunto aggressore e non la vittima che, anzi, dopo aver inizialmente indicato il suo sparatore improvvisamente ritratta tutto e, poco dopo, si trasferisce in Germania. Il tutto condito da varie intercettazioni disposte nei confronti dei due nuclei familiari che arricchisce il quadro probatorio. Escluse nella richiesta di condanna l’aggravante per futili motivi perché – come spiegato in aula dal pm – le storie, le relazioni e gli animi dei protagonisti che si intrecciano sono tutto tranne che futili.

Di parere completamente opposto la difesa dell’imputato, rappresentata dall’avvocato Angela Porcello: al contrario di quanto sostenuto dall’accusa viene dato risalto ad una carenza investigativa soprattutto nelle immediatezza dei fatti: non viene fatta prova dello Stub (analisi per capire se una persona ha sparato), non vengono sentiti i residenti della zona in cui avviene la sparatoria ma, soprattutto, vengono mosse perplessità sulla ricostruzione che la vittima offre, ritenuta dalla difesa poco credibile. In sostanza la difesa afferma che, da quanto emerso in dibattimento, non si giunga ad una ricostruzione limpida dei fatti “aldilà di ogni ragionevole dubbio”. Al termine dell’arringa la difesa ha chiesto l’assoluzione o, in subordine, la riqualificazione del reato da tentato omicidio in lesioni gravissime.

Il collegio di giudici presieduto da Gianfranca Claudia Infantino, con a latere i giudici Giuseppa Zampino e Katia La Barbera, emetterà il verdetto il prossimo 6 dicembre.

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata