Notizie | Commenti | E-mail / 18:59
                    








La “Giornata del Cuore” organizzata dai volontari del servizio civile della Misericordia di Campobello di Licata

Scritto da il 9 dicembre 2019, alle 07:10 | archiviato in Campobello Di Licata, Costume e società, Cronaca, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Ha suscitato interesse e partecipazione  la “Giornata del Cuore” organizzata dai volontari del servizio civile della Misericordia di Campobello di Licata Noemi Amato, Valerio Ciotta, Francesco Sabbadini, Erika Gambino ed Eliana Balsamo, con la collaborazione di tutti i volontari. Tanti i cittadini che nella mattinata di sabato  si sono recati presso la sede dove i volontari hanno misurato alcuni parametri come la pressione arteriosa, la saturazione di ossigeno nel sangue e i valori glicemici.

Invece tanti ragazzi di ogni fascia di età nel pomeriggio hanno seguito con interesse le nozioni di primo soccorso e partecipato ad una caccia al tesoro sul tema  del cuore. L’obiettivo primario, ha riferito la volontaria Noemi  Amato, era quello di promuovere la cultura del volontariato e di contribuire alla crescita civica della comunità e per tale motivi abbiamo deciso di farlo attraverso il  gioco per coinvolgere tutti i ragazzi e continuare nella sensibilizzazione di alcuni temi  come la salute e i sani stili di vita.

Nella giornata di lunedì  e martedì dalle 9,00 alle 13,00 e il pomeriggio del martedì dalle 15,00 alle 17,30 i cittadini hanno la possibilità di andare a votare presso il centro polivalente il nostro progetto  “Campobello Città Cardioprotetta” presentato e condiviso da tante associazioni di Campobello.

I fondi della democrazia partecipata garantirebbero al progetto di portare la comunità ad infrastrutturarsi di un importante rete di defibrillatori che saranno acquistati e dislocati su tutto il territorio comunale.  Inoltre, saranno avviati dei corsi gratuiti per l’utilizzo del defibrillatore.

Si ricorda che oggi le statistiche dicono che ogni anno muore una persona ogni mille abitanti per accidenti cardiaci che potenzialmente potrebbero essere salvati se appunto vi è una rete territoriale, così come esiste in tante realtà del nord.

Per cui, conclude Noemi Amato, nonostante anche gli altri progetti potrebbero essere apprezzabili , sicuramente il nostro non sarebbe solo per un anno, ma per una vita.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata