Notizie | Commenti | E-mail / 08:21
                    








“Nessuna infiltrazione mafiosa”, il Comune di Avola non sarà sciolto

Scritto da il 14 febbraio 2020, alle 06:22 | archiviato in Cronaca, cronaca sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Il Comune di Avola non sarà sciolto per infiltrazioni mafiosa. È quanto ha deciso il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese che ha firmato il decreto che chiude il procedimento avviato nei confronti del Comune in quando “non sussistono i presupposti per lo scioglimento o l’adozione di altri provvedimenti”.
Una commissione di indagine era stata istituita dal prefetto di Siracusa il 13 maggio dello scorso anno per effettuare gli accertamenti. Lo scorso 12 novembre la commissione ha presentato la relazione conclusiva, e lo scorso 27 dicembre il prefetto di Siracusa ha evidenziato l’insussistenza delle condizioni per applicare lo scioglimento conseguente a fenomeni di infiltrazione e di condizionamento di tipo mafioso secondo il Testo unico degli Enti locali. “Gli elementi emersi non presentano la necessaria congruenza rispetto ai requisiti di concretezza, univocità e rilevanza richiesti”. Resta, dunque, in carica il sindaco Luca Cannata, il Consiglio comunale e la giunta. Fino ad oggi sono due i Comuni del Siracusano sciolti per infiltrazioni mafiose: Augusta e Pachino.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata