Notizie | Commenti | E-mail / 09:20
                    








Terme di Sciacca, bando per l’affidamento in concessione e la gestione dello stabilimento

Scritto da il 14 febbraio 2020, alle 06:34 | archiviato in Agrigento, Cronaca. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Altro passo in avanti per arrivare alla riapertura delle Terme di Sciacca. Il governo Musumeci ha, infatti, predisposto il bando per l’affidamento in concessione e la gestione dello stabilimento.

“Stiamo mantenendo l’impegno – commenta il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci – quello di ridare finalmente vita alla nuova stagione delle Terme di Sciacca. Vogliamo attivare un’offerta che metta insieme le tradizionali mete turistiche con una rete di centri d’eccellenza per le cure termali e il benessere fisico. Un modo per ampliare e destagionalizzare i flussi di visitatori che scelgono la nostra Isola. Le ricadute sul territorio, non solo di Sciacca, saranno evidenti: il segmento del turismo termale puo’ e deve integrarsi alle altre offerte, con ricadute significative sull’intero territorio”.

Il documento, elaborato dall’assessorato regionale dell’Economia d’intesa con il Comune, prevede che le domande vadano presentate entro 45 giorni dalla pubblicazione dell’avviso sulla Gazzetta ufficiale della Comunita’ europea. L’obiettivo e’ quello di riaprire e valorizzare la struttura termale e idrominerale, affinche’ torni a essere un attrattore turistico fondamentale per il territorio. Con il bando, la Regione intende individuare i soggetti potenzialmente interessati, con caratteristiche adeguate, a un eventuale affidamento subordinato alla ristrutturazione, al rilancio e alla gestione del complesso termale. Gli immobili individuati e disponibili sono composti da un gruppo di fabbricati e terreni: gli stabilimenti “Nuove Terme” e “Vecchie Terme”, il Grand Hotel delle Terme, il Parco delle Terme, le piscine Molinelli e quelle sulfuree coperte. Insieme al complesso di Acireale, l’impianto di Sciacca – anch’esso chiuso come quello acese dal 2015 – e’ un elemento costitutivo del nuovo Programma di sviluppo del turismo termale in Sicilia cosi’ come disposto da un’apposita legge regionale.

Precondizione necessaria per la partecipazione al bando e’ il possesso dei requisiti adeguati di capacita’ economica-finanziaria e tecnica commisurata al tipo di progetto e investimento dagli stessi proposto. Gli interessati dovranno anche dimostrare di possedere adeguata esperienza nel settore turistico-termale e di avere realizzato nel settore, negli ultimi 10 anni, investimenti per un importo almeno pari a quello previsto dal progetto proposto. Gli operatori economici interessati dovranno presentare un progetto di attivita’ turistico-termale, di recupero, di ristrutturazione, di valorizzazione e di gestione del complesso immobiliare, che deve comprendere anche la progettazione e la realizzazione delle opere a tal fine necessarie. La durata della concessione sara’ determinata sulla base del progetto selezionato e non potra’ essere comunque superiore ai trenta anni. Per i primi tre anni, a titolo di compensazione per le spese sostenute per la realizzazione del progetto, il complesso potra’ essere gestito a titolo gratuito, cioe’ senza il pagamento del canone di locazione. Alla scadenza del triennio, certificato il rispetto dei tempi previsti per la realizzazione del progetto, l’amministrazione stabilira’ la misura del canone tramite valutazione dell’Agenzia delle entrate ovvero dell’ufficio del Genio civile territorialmente competente.

 



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata