Notizie | Commenti | E-mail / 22:25
                    








Canicattì, donna morta dopo intervento alla colecisti: indagati 26 medici

Scritto da il 26 marzo 2020, alle 07:14 | archiviato in Agrigento, Canicattì, Costume e società, Cronaca, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Ventisei medici di due ospedali della provincia di Agrigento sono indagati dalla Procura per l’ipotesi di reato di omicidio colposo in seguito alla denuncia dei familiari di una donna di 69 anni di Canicattì, morta dopo un’operazione alla colecisti.

Il Pubblico ministero, Chiara Bisso, ha iscritto come atto dovuto sul registro degli indagati i sanitari del Barone Lombardo di Canicattì e del San Giovanni di Dio che hanno avuto in cura la donna, deceduta lo scorso 12 marzo dopo essere stata in coma alcuni giorni in seguito all’intervento.

I familiari, attraverso il proprio legale, l’avvocato Calogero Meli, hanno presentato un esposto chiedendo alla magistratura di fare luce sull’episodio. Il  pubblico ministero Bisso ha così disposto l’autopsia che sarà eseguita venerdì.

L’incarico sarà conferito al medico legale Giuseppe Ragazzi, fin d’ora autorizzato a indicare uno specialista che lo affiancherà nello svolgimento della consulenza.

La donna, come hanno riferito i familiari della denuncia, si era presentata il 21 gennaio al pronto soccorso dell’ospedale di Canicattì accusando dei forti dolori addominali. In quella circostanza le sarebbero stati diagnosticati dei calcoli alla cistifellea e fu dimessa dopo avere programmato l’intervento per l’ultimo giorno del mese. In realtà, dopo un paio di giorni, la donna torna in ospedale perchè accusa – secondo la ricostruzione dei fatti – nuovi dolori. Questa volta viene ricoverata e sottoposta ad accertamenti. La Tac, secondo quanto denunciato dalla paziente, fu svolta solo dopo quattro giorni. Infine, completati altri accertamenti, si procede con l’intervento.

Nei giorni successivi il figlio della donna si sarebbe accorto di una perdita ematica. La paziente, quindi, viene trasferita all’ospedale San Giovanni di Dio. Ci si accorge di improvvise complicazioni che rendono necessario un secondo intervento, dal quale la donna non si è mai ripresa.

Dopo alcuni giorni di coma, la sessantanovenne è morta.

 



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



7 Risposte per “Canicattì, donna morta dopo intervento alla colecisti: indagati 26 medici”

  1. Donna ha detto:

    La donna morta era un “essere speciale”. Buona, generosa, solare, sensibile e dall’animo radioso. La donna morta era una persona che aveva diritto di vivere; di godersi il figlio, il nipotino, i parenti, gli amici e tutti coloro che l’amavano. La Donna morta era una persona che tutti ricordano con immenso affetto e stima. La Donna morta era la consolazione, la compagnia e il sostegno di chi dipendeva da lei, per stare bene Non sono stati pochi giorni di coma, ma interminabili ore, giorni e settimane, che mi auguro siano trascorse senza la sua consapevolezza; senza sofferenza; ma in un limbo dove il suo cuore non potesse sentire il dolore dei suoi cari. Mi auguro che, se ci sono responsabili, questi possano rispondere della loro colpa; e di certo non si tratta di “risarcimento”, poiché nulla può risarcire la perdita. Se ci sono responsabili, questi devono essere banditi dal loro ruolo; non devono e non possono esercitare una professione, dove gli errori, che stroncano le vite, non possono essere ammessi, nè tollerati, nè perdonati. Ciao grande Donna, riposa in pace e irradia da lassù la vita di chi ami, con il tuo splendido sorriso.

  2. Tiziana Frangiamone ha detto:

    Conosco perfettamente il dolore che lascia una tragedia che forse poteva essere evitata. Auspico a tutti di poter fare chiarezza nelle opportune sedi..
    Condoglianze alla famiglia.
    Tiziana Frangiamone

  3. Lo Curto Giuseppe ha detto:

    Inizio problema, fine problema.
    Un mese intero.
    E 2 ospedali.
    E mi ritengo fortunato !

  4. Lo Curto Giuseppe ha detto:

    Cosa c’è sotto ?
    C’è sotto la non conoscenza del problema.
    Un problema del genere, viene preso sotto gamba, viene sottovalutato.
    Mi ritengo fortunato perché, senza questa Medicina Moderna, non credo che un essere umano possa durare più di qualche mese.

  5. Lo Curto Giuseppe ha detto:

    Parliamo di qualcosa di naturale, che il corpo umano stesso crea nel tempo.
    Non di malattie.
    E quando si arriva in un Pronto Soccorso di un ospedale pubblico , come ci sono arrivato io. Vuol dire che il tempo è scaduto !

  6. Tiziana Frangiamone ha detto:

    Al Pronto Soccorso, in molti casi, si arriva in tempo, eccome… Ma, ahimé…

  7. Lo Curto Giuseppe ha detto:

    Si. Ti dicono qual’è il problema, e poi ti rimandano a casa !
    Non solo a Canicattì.

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata