Notizie | Commenti | E-mail / 22:39
                    








Crisi delle imprese in Sicilia anche prima dell’epidemia da Covid19, nel primo trimestre dell’anno saldo negativo

Scritto da il 10 maggio 2020, alle 06:08 | archiviato in Economia, Politica, politica sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Non è un buon momento per l’economia siciliana, anche se gli effetti concreti della crisi delle imprese per l’emergenza sanitaria da coronavirus si potranno registrare soltanto tra qualche mese.

Secondo i dati pubblicati oggi dall’Osservatorio Unioncamere, che analizza l’andamento della nati-mortalità, regione per regione, in Sicilia nel I trimestre 2020 si è avuto un saldo negativo (-1.265), rispetto alle 446.442 registrate, una flessione di 0,27% rispetto allo stesso periodo del 2019, quando le registrate erano 467.750. A fronte delle 6.785 nuove iscrizioni ci sono state 8.050 cessazioni.
Ecco i dati relativi alla nati-mortalità delle imprese per provincia. Trapani: nuove iscrizioni 674, cessazioni 900, saldo -226; Palermo: nuove iscrizioni 1.509, cessazioni 2.008, -499; Messina nuove iscrizioni 741, cessazioni 828, saldo -87; Agrigento: nuove iscrizioni 661, cessazioni 722, saldo -61; Caltanisetta nuove iscrizioni 326, cessazioni 550, saldo -224; Enna: nuove iscrizioni 237, cessazioni 387, saldo -150; Catania: nuove iscrizioni 1.580, cessazioni 1.614, saldo -34; Ragusa: nuove iscrizioni 588, cessazioni 660, saldo -72; Siracusa: nuove iscrizioni 469, cessazioni 381, saldo +88. “Con riferimento alla forma giuridica – spiega il segretario generale Santa Vaccaro – prosegue l’andamento positivo delle società di capitali con una media del tasso di crescita di +1,17%; in terreno negativo le società di persone così come le ditte individuali, ad eccezione della provincia di Siracusa in cui si registra in media un lieve andamento positivo (+0,23%)”. In tutti i settori i dati sono negativi, ma quello settore che maggiormente risente della flessione negativa è il commercio con -1.814 cessazioni (iscrizioni 975, cessazioni 2.789), seguito da agricoltura, silvicoltura e pesca -839 (iscrizioni 558, cessazioni 1.367), servizi di alloggio e ristorazione -431 (iscrizioni 145, cessazioni 596), manifatturiero -201 (iscrizioni 188, cessazioni 389). Sud e Isole fanno registrare un saldo di -8.474, come tutte le altre aree geografiche dell’Italia.
“Sono dati preoccupanti che devono cominciare a farci riflettere, perché risentono delle prime restrizioni seguite all’emergenza coronavirus – spiega il presidente di UnionCamere Sicilia Giuseppe Pace –, rivelano infatti la situazione al 31 marzo scorso, quando eravamo a poche settimane dall’inizio del ‘lockdown’ stabilito dal governo nazionale per fronteggiare l’emergenza sanitaria. Ritengo che, di questo passo, nei mesi a venire la situazione non potrà che peggiorare. Se guardiamo l’intero complesso dei numeri – aggiunge Pace – si evince la stessa situazione a livello nazionale, quasi 30mila imprese in meno nei primi tre mesi del 2020 contro un calo di 21mila nello stesso trimestre del 2019. A livello di sistema Paese abbiamo il saldo peggiore degli ultimi 7 anni, rispetto allo stesso arco temporale. Ci auguriamo che il governo nazionale per la sua parte e quello regionale, in tempi stretti, possano attivare strumenti concreti per arginare una crisi che sta distruggendo interi settori vitali dell’economia siciliana a partire dal turismo e dalla ristorazione”, conclude Pace.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata