Notizie | Commenti | E-mail / 00:56
                    








On. Pullara:regolamentare per i lavoratori della Pubblica amministrazione, anche quella regionale, la modalità di lavoro in smart working.

Scritto da il 20 maggio 2020, alle 16:48 | archiviato in Agrigento, Politica, Politica provincia, Provincia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

“Necessario regolamentare per i lavoratori della Pubblica amministrazione, anche quella regionale, la modalità di lavoro in smart working. Lo afferma l’On. le Carmelo Pullara,  Presidente Popolari e Autonomisti all’ARS.
Lo smart working come risposta immediata all’emergenza Coronavirus – aggiunge Pullara – ha certamente garantito seppur con tante limitazioni la continuità dei servizi della P.A., durante tutta la fase 1 della pandemia, in particolare delle amministrazioni, della scuola e delle imprese, ma quello che milioni di persone hanno sperimentato in questo periodo  non può essere considerato “smart working”, è piuttosto, una forma di “lavoro casalingo”, sostenuta da limitata strumentazione tecnologica e da una debole organizzazione di indirizzo da parte delle amministrazioni che, spesso, si è tradotto in disordine organizzativo e resa poco produttiva.
Superata la fase di immediata risposta all’emergenza – continua Pullara – bisogna intervenire su una regolamentazione dello smart working di gran lunga più dettagliata, indicando sia i requisiti tecnici e le dotazioni tecnologiche necessarie per consentire la continuità della prestazione di lavoro da remoto, che le modalità organizzative di lavoro da remoto, che sia programmato e comunicato in modo da permettere agli uffici di lavorare con efficienza produttiva e agli utenti di ricevere in continuità e senza ritardi i servizi richiesti .
Diversamente lo smart working si traduce in inefficienza e scarso rendimento, con una ricaduta pesante sulla qualità dei servizi, e non solo ma anche una disparità di resa evidente rispetto a chi ha scelto di lavorare in ufficio.
Per tale motivo – prosegue Pullara –  non è possibile mantenere due regimi diversi di prestazioni a parità di remunerazione, per cui mi farò promotore di un odg impegnando il governo regionale, sentite le organizzazioni sindacali, per regolamentare l’attività in smart working in maniera dettagliata e comparabile a quella dei loro colleghi che lavorano in ufficio, anche a rischio di rimanere contagiati e con risultati di efficacia ed efficienza altalenanti”.
La vera sburocratizzazione non sta solo negli interventi di urgenza ovvero nei poteri straordinari che riguardano il brevissimo periodo ma soprattutto negli interventi strutturali di efficienza ed efficacia della macchina amministrativa, in modo da essere valide ora e sempre,  con la misurazione reale delle prestazioni rese e del contingente necessario a renderle.
La Sicilia – conclude Pullara- prima fra tutte le regioni deve dimostrare di saper essere all’avanguardia e non vista come la regione canaglia per come spesso accade nei talk show.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



2 Risposte per “On. Pullara:regolamentare per i lavoratori della Pubblica amministrazione, anche quella regionale, la modalità di lavoro in smart working.”

  1. attento ha detto:

    Avanguardia, efficienza, efficacia, tecnologia, prestazione … on Pullara Lei indica la luna ma la invitiamo a guardarsi attorno… arretratezza, inefficienza, passività della macchina pubblica… non parliamo della Sanità che peraltro proprio Lei tanto critica dall alto della commissione Sanità dell ARS… prima faccia rispettare la regolamentazione delle attività del personale pubblico in loco poi , se ci riesce, pensiamo al futuro altrimenti si parlerà, astutamente sempre di quello che “diremo, faremo” e mai di quello che si è detto e FATTO. Forse che sia questa la vera rivoluzione…meritarsi lo stipendio che lo Stato mi paga FACENDO qualcosa di tangibile???

  2. attento ha detto:

    salvo errori giudiziari, smentite e fatti salvi i diritti degli indagati…. oggi abbiamo capito qualcosa in più su come viene “gestita” la sanità in Sicilia… vanno dunque rivalutate le aspre critiche mosse nei confronti del dott Augello che hanno portato alle sue dimissioni da direttore sanitario dell ospedale di Canicatti????.. forse perchè al suo posto doveva andare qualcun altro vicino alla cordata vincente??? … oggi alla sbarra….povera Sicilia in mano al “nuovo potere” che non spara più ma siede nelle poltrone dello Stato….

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata