Notizie | Commenti | E-mail / 02:20
                    








Indagine della commissione Antimafia su ciclo rifiuti, arriva l’ok dell’Ars

Scritto da il 28 maggio 2020, alle 06:04 | archiviato in Costume e società, Photo Gallery, Politica, politica sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Per la prima volta una relazione della commissione antimafia viene discussa e approvata dall’Aula dell’Ars. E’accaduto a quella sul ciclo dei rifiuti.

“La relazione conclusiva sul ciclo dei rifiuti in Sicilia – dice il presidente della commissione Claudio Fava – ha avuto il merito di avviare un dibattito sulla lunga stagione di interferenze che hanno condizionato la questione rifiuti a beneficio delle discariche e degli interessi privati. Un sistema malato che ha preteso per anni dalla politica e dalla burocrazia atti di autentico vassalaggio”.
Una relazione molto dura e forte che proprio sulla gestione del ciclo dei rifiuti descrive “Una governance troppo spesso ostaggio di un gruppo di imprenditori che hanno rallentato, anche per responsabilità di una politica compiacente, ogni progetto di riforma che puntasse a un’impiantistica pubblica”.
Un lavoro di indagine durato oltre sei mesi attraverso 52 audizioni (governatori, assessori, dirigenti, magistrati, giornalisti, comitati civici, sindaci).

“Abbiamo ricostruito vent’anni di scelte politiche ed amministrative per capire quali fossero le ragioni d’un sistema ancora fortemente imperfetto che prevede, come unico esito possibile, il conferimento finale alle grandi discariche private“, aveva detto il presidente della Antimafia, Claudio Fava.
“Le responsabilità dei governi e dell’amministrazione regionale sono gravi. Abbiamo ascoltato presidenti, assessori che per vent’anni, con pochissime eccezioni, hanno di fatto abdicato alla loro funzione di indirizzo politico – aveva sottolineato – rendendosi invece disponibili ad un sistema di interferenze e di sollecitazioni che ricordano le vicende legate al sistema Montante“.
Nelle conclusioni, la relazione esprime un’urgenza: “Rendere la gestione del ciclo dei rifiuti in Sicilia una risorsa produttiva ed economica ed al tempo stesso un’occasione di dignità civile collettiva”, ribadendo che per farlo è necessaria “una risposta delle istituzioni e della politica rapida, alta e ferma alle pratiche corruttive, al prevalere degli interessi privati, a certe inerzie della funzione amministrativa”.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata