Notizie | Commenti | E-mail / 02:19
                    








Tragedia per ristoranti e albergatori di Palermo, persi 65 milioni di fatturato

Scritto da il 1 giugno 2020, alle 06:08 | archiviato in Politica, politica sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Il settore alberghiero ha ricevuto un danno di almeno 65 milioni di euro a Palermo durante la prima fase dell’emergenza covid19. La stima è stata eseguito dall’Ufficio statistica del Comune che, tramite l’analisi dei numeri ufficiali di Istat e Regione sta fornendo all’amministrazione elementi certi di conoscenza sull’impatto che l’emergenza Covid19 ha avuto e sta avendo sul tessuto economico e sociale della città. Piange anche la ristorazione inclusi i bari e la ristorazione mobile, che ha visto in queste settimane lo stop di oltre 2.000 attività, che impiegano poco meno di 8mila persone.

Si tratta di uno studio che lo stesso responsabile dell’ufficio statistica del Comune, Girolamo D’Anneo, definisce “prudenziale” per sottolineare che la realtà potrebbe quasi certamente essere ben più grave. “Numeri che ancora una volta – dice il sindaco Orlando – mostrano l’emergenza sociale profonda che ha colpito la nostra città. Una emergenza di fronte alla quale la risposta del Governo nazionale è del tutto inadeguata e quella della Regione potrà essere valutata solo dopo che si conosceranno nel dettaglio il reale impatto e la reale applicabilità delle norme contenute nella Finanziaria di cui attendiamo il testo definitivo”.

Rapportando i dati al 2017, Palermo ha perso un afflusso di almeno 188 mila turisti, per un totale di poco meno di 400 mila pernottamenti. Ben più grave in prospettiva è il protrarsi del blocco delle frontiere e comunque il prevedibile drastico calo delle presenze internazionali. A conti fatti, il Comune immagina che entro settembre saranno almeno 450 mila i turisti certamente “persi” dalle nostre strutture ricettive e quasi un milione i pernottamenti cancellati.

“Anche ipotizzando una ripresa del turismo locale e nazionale – dice Orlando – è praticamente certo che almeno 65 milioni di fatturato siano già andati in fumo per quest’anno, che vuol dire almeno 20 milioni di ricaduta economica persa per la città in termini di retribuzioni ed utili d’impresa. Sono numeri di una catastrofe che richiede una risposta straordinaria che mi sembra non ci sia in questo momento da parte del Governo nazionale, così come mi sembra non sia adeguato l’intervento a sostegno del reddito da parte della Regione che accusa gravissimi ritardi nell’avvio della Cassa integrazione”.

Il dato di stima di una perdita di 65 milioni di euro, spiegano dall’ufficio statistica, è la proiezione di quanto si è già perso (32,5 milioni per il periodo marzo maggio) più quanto si perderà fino a settembre con l’assenza di turisti stranieri (e sempre nell’ipotesi positiva che non ci siano cali nel turismo locale/nazionale). Si è tenuto a base della stima il dato medio del costo di una camera doppia con colazione pari ad 84 Euro a notte.

Nel 2018, la città di Palermo aveva 630 strutture ricettive registrate, di cui 77 alberghi e 553 strutture extra-alberghiere. In termini di strutture, la parte del leone la fanno i b&b e gli affittacamere (totale 540 strutture), ma in termini economici, il danno è concentrato ovviamente sugli alberghi. La stima è che del danno certo di 65 milioni, almeno 50 milioni sono a carico degli alberghi.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



1 Risposta per “Tragedia per ristoranti e albergatori di Palermo, persi 65 milioni di fatturato”

  1. LucaS ha detto:

    Anche i danni alle aziende metallurgiche del palermitano… ho sentito dire che siano molto pesanti.

    Aziende molto “grosse” sono pronte al fallimento.
    Commesse irrisorie… e clientela che non spende… purtroppo hanno creato le condizioni del loro disastro.

    Una grande perdita.

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata