Notizie | Commenti | E-mail / 01:51
                    








Canicattì, da lunedì il prezzo del pane aumenta del 25%

Scritto da il 7 giugno 2020, alle 07:16 | archiviato in Canicattì, Cronaca, Economia, IN EVIDENZA, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Aumenta da lunedi’ prossimo del 25 per cento a Canicatti’  il prezzo di vendita del pane, da 2,40 a 3 euro al chilo per il grano duro. La decisione e’ stata assunta, dice l’Unione panificatori, a causa dell’aumento del prezzo delle farine scaturito dalla crescita della richiesta nel periodo Covid-2019. Non c’e’ stato un incremento duraturo, pero’, del prezzo del grano che solo per un paio di settimane ha registrato tensioni di mercato dovuti a episodi speculativi. Le previsioni, almeno in Sicilia, indicano un aumento nelle produzioni che dovrebbe calmierare il prezzo del grano duro locale. I consumatori, provati dalle conseguenze finanziarie dell’emergenza Coronavirus, stigmatizzano la scelta dei panificatori di Canicatti’, bollandola come “inopportuna se non speculativa”.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



4 Risposte per “Canicattì, da lunedì il prezzo del pane aumenta del 25%”

  1. Occhio di lince ha detto:

    Da precisare che non esiste nessuna “Unione dei panificatori” con uno statuto preciso, ma bensì una sorta di gruppo folkloristico per decidere se chiudere prima o dopo oppure se donare il pane perché altrimenti va buttato. Sicuramente non tutti accetteranno questo aumento, molti faranno il pane a casa e tantissimi altri andremo a comprare il pane dove non costerà 3 euro, perché è giusto dire che non tutti vendevano il pane a 2,40 euro, ma molto di meno e quindi la percentuale di aumento non determinerà lo stesso importo. Infine dire che il prezzo delle farine è aumentato è una grande cazzata e poi vedremo se è proporzionale l’aumento, se ne occuperà sicuramente o la prefettura o la guardia di finanza. Comunque grazie panificatori per questa scelta, mi auguro che almeno non vi diano più il bonus dell’INPS. Bella Italia!!!!

  2. LucaS ha detto:

    Un mio vicino di casa… incontrandomi… parlando di questo aumento del costo del pane… ha esclamato: “panittieri ladri, figli di bu…na, apprufittatura! Devono morire tutti di fame! Non si fa questo alla Gente! Specialmente quando il popolo ha bisogno!”.

    Quel signore anziano… mio vicino di casa… per quanto mi riguarda è sempre stato molto saggio. Il suo pensiero è molto condiviso tra le persone.

    Io non mangio pane. Anzi… posso consigliare… di mangiare 10 gr. di pasta in più… e poi di fare qualche passeggiata per migliorare la circolazione… la salute… ed il proprio benessere.

    La sera invece del pane… mangiate qualche frutto.
    Anche una mela leva il medico di torno.
    Forse… toglierà pure il panettiere.

    Certo… vi è da dire… che l’aumento non è affatto giustificato.
    Anzi appare vile e non proporzionato.

    Buona domenica.

  3. Indignato ha detto:

    Vergogna e’ la prima parola che mi viene in mente e forse la più appropriata!
    E se tutti andassimo a comprare il pane a Delia?
    Vorrei vedere dove se li metterebbero i filoni a 3 euro al kg?!?!
    Vergogna!

  4. massimo ha detto:

    ricetta per pane fatto in casa: 200 gr farina 0, 200 gr semola, 3 gr lievito secco, 320 gr acqua. impastare, lasciare riposare 2 ore. riporre in frigo l impasto per 18 ore. togliere dal frigo a temp amb per 1 ora, reimpastare cercando di fare inglobare aria all impasto ( vd su internet tecnica delle pieghe) riposa 1 ora. inforna a temp max con forno caldo per 15 min, poi a 170 gradi per 20 min… risparmio, soddisfazione, qualità… provate

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata