Notizie | Commenti | E-mail / 10:10
                    








Canicattì: il Barone Lombardo rischia la chiusura del centro trasfusionale. Intervento dell’On Pullara

Scritto da il 1 luglio 2020, alle 11:23 | archiviato in Canicattì, Cronaca, IN EVIDENZA. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Apprendo dalla stampa,ed è già di per se un fatto grave, della parziale chiusura,viene di fatto garantita solo la funzionalità nel turno antimeridiano (8-14),  preludio questo alla definitiva chiusura,del centro trasfusionale di Canicattì.Da ciò che si legge, sempre dalla stampa, l’atto di parziale chiusura è stato disposto dalla direzione dell’ Asp di Agrigento, oggi rappresentata dal direttore generale facente funzione Dott. Mazzara e dal direttore sanitario Dott. Mancuso .
Tale fatto risulta gravissimo non solo perché disattende le previsioni della rete ospedaliera approvata dal governo regionale, ma anche, e soprattutto, perchè mette a rischio la vita dei cittadini di un ampio comprensorio, in particolare quelli che si rivolgono agli ospedali di Canicattì e Licata.Infatti, il tempo di percorrenza per raggiungere l’Ospedale di Agrigento, fatto che diventerà obbligatorio,in caso di necessità di sangue, evento che si realizza soprattutto per interventi chirurgici, traumi ovvero incidenti stradali, nelle ore pomeridiane e notturne, con la parziale chiusura del centro di Canicattì, è di gran lunga superiore a quella che ad oggi è stato necessario per raggiungere lo stesso ospedale di Canicattì.

Pertanto, chiedo, in particolare, al dott. Mancuso, direttore sanitario dell’Azienda cui compete per funzione e responsabilità la problematica, di attivarsi immediatamente per la risoluzione del gravissimo problema. Approfitto anche per chiedere di notiziare la cittadinanza sulla attivazione, annunciata per il mese di Maggio,  del servizio di teleradiologia presso l’Ospedale di Canicattì e negli altri Ospedali della provincia di Agrigento. Chiederò pure al competente Assessore Regionale della Sanità di attivare quanto di competenza onde evitare che tale increscioso atto abbia delle ricadute pericolose sulla salute dei cittadini. Mi aspetto,quindi,da parte della Direzione Aziendale dell’Asp di Agrigento l‘immediata riattivazione del servizio, anche perchè la cittadinanza, già duramente provata dalla recente pandemia, non può sopportare un ulteriore decremento di assistenza sanitaria



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



1 Risposta per “Canicattì: il Barone Lombardo rischia la chiusura del centro trasfusionale. Intervento dell’On Pullara”

  1. attento ha detto:

    Ma il Vice Presidente Commissione VI – Servizi Sociali e Sanitari della Regione Sicilia deve usare il mezzo stampa per chiedere a dirigenti ASP informazioni e resoconti???? …. suggerisco ai dirigenti nominati di trovarsi altri incarichi perchè come è successo ad altri dirigenti presi di mira poi per un motivo o per un altro saltano…. vedrete!!!

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata