Notizie | Commenti | E-mail / 09:44
                    








Canicattì, Leonardo Di Stefano: sbarco alleati, restituiamo onore ai soldati italiani

Scritto da il 13 luglio 2020, alle 07:22 | archiviato in Canicattì, Costume e società, Cronaca. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

L’ invasione degli Alleati, ( USA, Inglesi, Canadesi) ha inizio la notte tra il 9 e 10 luglio 1943, sulla costa sud orientale della nostra Sicilia. La zona che riguarda noi, cittadini di Canicattì, è stata invasa dai soldati Americani. Per invadere Canicattì gli Americani hanno seguito due diverse direzioni. La prima: da Licata, Campobello di Licata, Canicattì; la seconda: Licata, Torre di Gaffa, Palma di Montechiaro, Camastra, Naro, Canicattì. Dal lato Campobello i soldati Italiani avevano a fianco i carristi Tedeschi, dal lato Naro solo soldati Italiani.

11 luglio sui due fronti i nostri soldati opposero una forte e decisa resistenza contro l’ invasione, con tentativi, in qualche caso riuscito, di ricacciare indietro il nemico. La lotta fu impari, anche se sotto infiniti bombardamenti aerei e cannoneggiamenti continui, molti anche mirati al centro abitato che fu abbondantemente distrutto, i nostri soldati non ebbero mai un minimo di tentennamento e non abbandonarono mai i loro posti di combattimento, anche se avevano capito che c’ era poco da fare. Molti dei nostri soldati partirono per il Paradiso degli Eroi, i superstiti obbedirono oll’ ordine di arretrare in direzione Serradifalco. Alle 23,30 del 11 luglio 1943 a Canicattì non c’ erano più soldati ne italiani ne tedeschi.

I bombardamenti nel centro abitato continuarono per tutta la mattina del 12 luglio, anche se non

c’ era la necessità in quanto in città non si trovavano più soldati armati. Molti furono i feriti e le vittime civili, donne, bambini, anziani, che sotto violentissimi e sproporzionati bombardamenti ci lasciarono la vita. Nelle prime ore del pomeriggio da via C. Battisti fu consegnato agli invasori il Palazzo di Città. Cessarono così i bombardamenti.

Va ricordato che i nostri soldati in combattimento non avevano di fronte soltanto un nemico numericamente superiore e fortemente armato, quello che è più grave, che alle spalle avevano gli infami, le spie, la mafia, che collaboravano a stretto contatto con il nemico invasore.

PER RESTITUIRE ONORE AL SOLDATO ITALIANO CHE HA DIFESO LA PATRIA.

Leonardo Di Stefano



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



1 Risposta per “Canicattì, Leonardo Di Stefano: sbarco alleati, restituiamo onore ai soldati italiani”

  1. LucaS ha detto:

    Leonardo Di Stefano afferma:

    “Va ricordato che i nostri soldati in combattimento non avevano di fronte soltanto un nemico numericamente superiore e fortemente armato, quello che è più grave, che alle spalle avevano gli infami, le spie, la mafia, che collaboravano a stretto contatto con il nemico invasore.

    In sostanza la stessa merda che oggi entra ed esce dagli uffici comunali… che passeggia e siede nei locali del centro cittadino… e che “muove o disfa i fili della vita locale” a proprio piacimento.

    BISOGNEREBBE RESTITUIRE DIGNITÀ AL SOLDATO ITALIANO CHE È IN NOI. ALTRIMENTI QUEI SOLDATI CADUTI IN GUERRA E QUEI CIVILI HANNO PERSO LA VITA INUTILMENTE.

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata