Notizie | Commenti | E-mail / 00:54
                    








Nuova ordinanza di Musumeci, tampone obbligatorio in aeroporto anche ai siciliani che tornano da 4 Paesi

Scritto da il 16 settembre 2020, alle 06:14 | archiviato in Politica, politica sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Arriva una nuova ordinanza per la lotta al contagio da Covid19 in Sicilia. L’ha firmata poco fa il presidente della Regione Nello Musumeci. L’ordinanza è la numero 34 del 2020 e di fatto proroga le ordinanze numero 25, 26, 30 e 31 e aggiorna la 32 adeguandola all’ordinanza 12  del Ministro della Salute (la 33 è quella contestata sui migranti attualmente sospesa dal tar in attesa di udienza di merito).

Di fatto questo significa che vengono prorogate tutte le misure anti covid che in Sicilia sarebbero scadute a settembre. Dunque viene prorogato fino al 7 ottobre (per il momento) il distanziamento sociale, gli obblighi di sanificazione dei locali pubblici e degli esercizi commerciali, la presenza di gel disinfettante, l’obbligo di mascherina al chiuso e comunque di avere la mascherina con se anche all’aperto per indossarla in caso di impossibilità a mantenere la distanza e così via. Tutte le norme alle quali ci siamo abituati in questi mesi restano in vigore.
Ma c ‘è una differenza. L’ordinanza di oggi in realtà supera la precedente ordinanza 32 che aveva anticipato la decisione del Ministero della Salute e imposto i controlli per gli arrivi da Malta, Spagna e Grecia. Solo in seguito, adeguandosi alla prudenza suggerita da Roma, la Sicilia aveva aggiunto la Croazia all’elenco. E la nuova ordinanza riguarda obbligo di tampone per tutti i turisti che arrivano da quei Paesi, Croazia compresa ma anche per i siciliani. Sia i turisti che i siciliani di rientro devono mostrare uno screening negativo o un tampone negativo effettuato nelle ultime 72 ore per poter liberamente circolare oppure sottoporsi a tampone in aeroporto e attendere l’esito in albergo o a casa prima di poter iniziare la propria vacanza o riprendere la normale attività.
Nella precedente ordinanza era diversa la procedura per i siciliani di rientro che venivano, invece, mandati a casa in quarantena fiduciaria per 14 giorni. Il tampone per loro arriverà a cura dell’Asp alla fine del periodo di quarantena. Nonostante ciò sono stati oltre 1500 i tamponi effettuati nei due aeroporti siciliani dall’entrata in vigore dell’ordinanza nella sua prima versione fino a ieri.

Adesso le nuove norme sono uniformi a quelle nazionali: “Ai sensi dell’ordinanza del Ministro della Salute del 12 agosto 2020, alle persone che intendono fare ingresso nel territorio  nazionale – si legge nella nuova ordinanza – e che nei quattordici giorni antecedenti hanno soggiornato o transitato in Croazia, Grecia, Malta o Spagna, ferme restando le disposizioni di cui al decreto del Presidente del Consiglio  dei  ministri  7  agosto 2020, si applicano le seguenti misure di prevenzione, alternative tra loro:
a) obbligo di presentazione al vettore all’atto dell’imbarco e  a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli dell’attestazione  di essersi  sottoposte,  nelle  72  ore  antecedenti  all’ingresso   nel territorio nazionale, ad un test molecolare o antigenico,  effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo;
b) obbligo di sottoporsi ad un test molecolare o  antigenico,  da effettuarsi  per  mezzo  di  tampone,  al  momento   dell’arrivo in aeroporto, porto o luogo di confine, ove possibile, ovvero  entro  48 ore dall’ingresso nel territorio nazionale presso l’azienda sanitaria locale di  riferimento;  in  attesa  di  sottoporsi  al  test  presso l’azienda sanitaria locale di riferimento le persone sono  sottoposte all’isolamento fiduciario presso la propria abitazione o dimora.

2. Le persone di cui al  comma  1,  anche  se  asintomatiche,  sono obbligate  a  comunicare  immediatamente  il  proprio  ingresso  nel territorio nazionale  al  Dipartimento  di  prevenzione  dell’azienda sanitaria competente per territorio.

3. In caso di insorgenza di sintomi COVID-19, resta fermo l’obbligo per  chiunque  di  segnalare  tale  situazione   con  tempestività all’Autorità sanitaria  per  il  tramite  dei   numeri   telefonici appositamente dedicati e di sottoporsi, nelle more delle  conseguenti determinazioni dell’Autorità sanitaria”.

Il sistema dei controlli sembra essere andato a regime in questi ultimi giorni dopo una prima fase abbastanza confusa e una serie di errori commessi durante la gestione della fase di avvio. Le aree dedicate sono state attrezzate negli aeroporti di Palermo e Catania mentre negli altri aeroporti non ci sono voli diretti dai Paesi inseriti nell’ordinanza come a rischio.

Ad eseguire i controlli, però, sono le Asp di Catania e Palermo con proprio personale e convenzioni appositamente predisposte o di sanità aerea e marittima ma in Sicilia questo non è stato possibile ed è dovuta intervenire la Regione.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata