Notizie | Commenti | E-mail / 00:15
                    








Pulizia professionale: caratteristiche e vantaggi delle lavatrici a ultrasuoni

Scritto da il 28 settembre 2020, alle 02:46 | archiviato in Scienze e tecnologie. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Per l’eliminazione dello sporco dagli oggetti e dalle superfici che sarebbero difficili da trattare con le tradizionali strategie di pulizia si possono sfruttare le lavatrici ad ultrasuoni, strumenti per la pulizia professionale che garantiscono degli ottimi risultati su differenti tipologie di superfici.

Questi strumenti possono essere impiegati sia nei contesti professionali che in ambiente domestico e rappresentano la soluzione consigliata per la pulizia degli oggetti delicati. Le lavatrici ad ultrasuoni sono dei macchinari professionali che non prevedono infatti né la frizione, né lo sfregamento degli oggetti che quindi non subiranno alcun danno durante il ciclo di pulizia.

Lavatrice ad ultrasuoni: come funziona?

Per ottenere una perfetta pulizia degli oggetti le lavatrici ad ultrasuoni sfruttano il processo di cavitazione. La cavitazione rende possibile la produzione di vapore e la formazione di bolle all’interno di un fluido: queste bolle si muovono all’interno del fluido e vanno ad impattare sulla superficie degli oggetti che sono stati immersi al suo interno, rimuovendo in questo modo lo sporco dagli stessi oggetti senza il rischio di creare danni alla loro superficie.

Gli oggetti possono essere immersi nell’acqua pura, oppure si può scegliere di utilizzare uno specifico detergente come fluido in cui immergere gli oggetti. La formazione delle bolle si ha anche durante il processo di ebollizione, ma la causa è differente nei due casi: la formazione delle bolle durante l’ebollizione è dovuta all’aumento di temperatura del liquido fino al raggiungimento del punto di ebollizione, mentre nel caso delle lavatrici ad ultrasuoni saranno proprio gli ultrasuoni a formare le bolle.

Un’altra differenza è che le bolle che si formano durante l’ebollizione tendono spontaneamente a risalire verso l’alto, mentre quelle prodotte dalla cavitazione vanno rapidamente incontro all’implosione dopo aver impattato con la superficie dell’oggetto che è stato immerso all’interno del liquido per essere pulito.

Modelli di lavatrici ad ultrasuoni

A seconda dell’impiego che si intende fare di questo strumento si può prendere la giusta decisione in fase d’acquisto, valutando le caratteristiche dei diversi modelli di lavatrici ad ultrasuoni ed identificando quello che meglio si addice alle proprie esigenze personali.

Tutti i modelli in commercio hanno lo stesso meccanismo di funzionamento e sfruttano gli ultrasuoni per produrre delle bolle che puliranno le superfici degli oggetti. I modelli si differenziano però per diverse caratteristiche, in primis per le dimensioni della vasca d’immersione. Per le lavatrici ad ultrasuoni da utilizzare a casa si può acquistare un modello con una vasca con capacità limitata – si trovano in vendita anche modelli con vasche da un litro – mentre per l’impiego professionale è preferibile investire su modelli con vasche più capienti.

Un altro elemento che differenzia i vari modelli in commercio è il materiale di rivestimento. I consumatori possono acquistare delle lavatrici ad ultrasuoni con rivestimento in plastica, oppure scegliere di comprare dei modelli con rivestimento in metallo. Il metallo ha una resistenza maggiore rispetto alla plastica, comunque anche i modelli con rivestimento in plastica non necessitano di molta manutenzione perché il rivestimento viene fatto solo con plastica di alta qualità.

In fase di acquisto è utile informarsi anche sugli accessori che verranno forniti insieme alla lavatrice ad ultrasuoni. Tra gli accessori più diffusi si devono ricordare le basi rialzate, le quali possono essere sfruttate per sollevare gli oggetti più piccoli e per assicurarsi che l’intera superficie di questi oggetti sia immersa nel liquido e possa essere colpita dalle bolle che si formeranno per cavitazione.

Appoggiando direttamente gli oggetti da lavare sul fondo della vasca di immersione non si riuscirà infatti a pulire la porzione di superficie che è direttamente a contatto con il pavimento della vasca, problema che viene risolto dalle basi rialzate fornite insieme alle lavatrici ad ultrasuoni.

Per l’eliminazione dello sporco dagli oggetti e dalle superfici che sarebbero difficili da trattare con le tradizionali strategie di pulizia si possono sfruttare le lavatrici ad ultrasuoni, strumenti per la pulizia professionale che garantiscono degli ottimi risultati su differenti tipologie di superfici.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata