Notizie | Commenti | E-mail / 08:50
                    








Canicattì: fuoco e fiamme tra il Di Ventura Sindaco e il Tedesco Presidente… il risveglio della politica? E di quale politica?

Scritto da il 13 novembre 2020, alle 18:22 | archiviato in #Esclusiva, Politica, Politica Canicattì. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Non si vedeva una diatriba politica in paese da oltre 5 anni. Ne avevamo proprio bisogno. In tempi di covid , quarantene e positivi avere un segnale di esistenza da parte di alcuni riferimenti politici, ci fa pensare e sperare come la particella di  sodio dell’acqua Lete, che forse “ c’è qualcuno”. Ha ragione il Sindaco a ritenersi diciamo“ disturbato” dalle domande poste dal Presidente del Consiglio Tedesco.

Il lungo silenzio sui tanti temi che hanno interessato in questi anni la città ha giustamente convinto il primo cittadino che il capo dell’organo rappresentante il civico consesso, cioè l’organo di controllo, all’improvviso   si potesse permettere di porre delle domande . Giustamente il Sindaco si starà chiedendo, “ ma come è possibile che non mi ha posto alcuna domanda per i pozzi di contrada Gulfi, per il cam, per le condizioni di foro boario, per come è stata ridotta la piscina, e per le migliaia di cose che avrei in questi anni fatto o meglio non fatto e all’improvviso si permette di domandarmi come e perché io decida di chiudere o aprire qualcosa. E allora “ gatta ci cova” avrà pensato il primo cittadino. Fosse per caso che mancano solo poco più di sei mesi prima di ritornare alle nostre case? Può essere la chiave di lettura di questa irruenta quanto improvvisa reazione del Presidente? Si sarà chiesto il Sindaco.  E ciò lo si deduce dalla missiva dello stesso Tedesco quando dice testualmente “accusandomi di intervenire nel dibattito pubblico per soddisfare bassi interessi di natura elettoralistica.”

“Un profluvio di accuse e invettive” dice Tedesco con il suo lessico forbito. Questo è stato rivolto al suo indirizzo dal suo sindaco nonché compagno di partito (PD per chi non lo ricordasse). Poi per rendere ancora più forte la gravità della situazione fa riferimento alla allocazione geografica della città dell’uva Italia , ben lontana da quella Corea del Nord a cui farebbe pensare l’atteggiamento del Sindaco.

Ma ritorniamo alla missiva del primo cittadino che recita “La continua ingerenza del Presidente del Consiglio, oltre ad essere fuori luogo ed inopportuna, crea proprio, tra i cittadini, quella confusione che egli vorrebbe additare ed addebitare al sottoscritto”.  Noi diciamo che sinceramente la confusione che oggi vivono i cittadini gli viene addebitata senza il necessario intervento del Presidente Tedesco. Semmai il Presidente ci ha ricordato che esiste un civico consesso ( di cui da tempo non si ha notizia)  con il suo rappresentate più alto ( non solo fisicamente).

E mentre il Di Ventura  chiude le sue “ invettive” ( come definite dal Tedesco) lasciando la porta aperta, il Presidente pretende pubbliche scuse. Comunque questo risveglio della politica ritengo comunque sia un fatto positivo. Ops  non si può dire positivo… diciamo che è un fatto



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



3 Risposte per “Canicattì: fuoco e fiamme tra il Di Ventura Sindaco e il Tedesco Presidente… il risveglio della politica? E di quale politica?”

  1. attento ha detto:

    LA FINISCANO PER FAVORE. A me questa polemica sembra combinata a tavolino per evitare e distarre l’approfondimento sociale sulle responsabilità (forse anche penali) circa la mancata sorveglianza attiva di tutti gli organi preposti sull andamento dei contagi, sulla attenzione ai segnali premonitori, sul mancato riconoscimento della zona rossa a Canicatti… non sono un virologo o un epdemiologo ma una cosa mi sembra matematica fra qualche giorno questi positivi si trasformeranno purtroppo in accessi al pronto soccorso, terapie intensive e cosi via … e cosa facciamo adesso che saremmo ancora in tempo… polemiche!!! E’ una gestione sconsiderata, intervenga un commissario, un tecnico, l esercito o questi faranno precipitare la situazione già gravissima.

  2. Diego ha detto:

    Diatriba quantomeno inopportuna quella del Presidente del Consiglio. Dopo più di quattro anni di disastri attacca il Sindaco nel momento meno opportuno e in una fase in cui il Sindaco sta facendo tutto quello che è possibile fare in questo drammatico momento.

  3. Gioacchino Castellana ha detto:

    La politica è un’altra storia…la gestione avveduta e proficua del territorio e dei sui primari interessi, è oggettivamente mancata in tutte le sue discipline, a parte qualche recupero a fasi alterne nel settore dei rifiuti ( in base all’assessore di turno).
    Posso comprendere ( ma non giustifico)che un sindaco e una giunta PD non può fare meglio o di più del proprio partito alla guida del governo nazionale, che è sotto gli occhi di tutti.
    Personalmente rispetto Di Ventura e Tedesco, ma politicamente e sul piano amministrativo non mho mai creduto avrebbero fatto cio di cui ha bisogno la nostra città, anzi l’esatto contrario proprio come detta la linea politica del loro PD per tutta la nazione, che vuole sicurezza, benessere, rispetto dei valori e delle tradizioni, lavoro e meno meno tasse…purtroppo e per genetica ideologica fanno il contrario, anche a Canicattì.

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata