Notizie | Commenti | E-mail / 08:37
                    








Canicattì. L’ASP: Sindaco Di Ventura , rettifichi le affermazioni errate e le ingiustificate accuse

Scritto da il 27 novembre 2020, alle 20:23 | archiviato in #Esclusiva, Canicattì, Cronaca, IN EVIDENZA, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Riceviamo e pubblichiamo una nota da parte dell’ASP a proposito delle esternazioni fatte dal Sindaco di Canicattì Ettore Di Ventura. Qualora il diretto interessato volesse avere diritto di replica, verrà dato egli lo stesso spazio a disposizione

Oggetto: precisazione in merito alle dichiarazioni rese e pubblicate on line dal Sindaco di Canicattì relative a presunti ritardi i questo Ufficio nel rilasciare il parere riguardante la sospensione delle attività didattiche in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado ricadenti nel comune di Canicattì.

 

In merito alle esternazioni rese nella serata di ieri e nella giornata di oggi alla testata giornalistica TRC dal Sig. Sindaco del Comune di Canicattì a seguito all’emanazione dell’Ordinanza Sindacale con la quale si dispone la sospensione delle attività didattiche in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado, questo Ufficio nella persona del suo Dirigente, intende precisare e stigmatizzare quanto realmente accaduto, rinviando al mittente ogni accusa di inadempimento e/o ritardo nel rilascio del parere sanitario disposto dalla Regione Siciliana.

Si tiene a precisare che in occasione delle sospensioni dell’attività didattica disposte in assoluta autonomia dal Sindaco con Ordinanze Sindacali n.ri 120 e 121 dell’08 e 10 novembre del corrente anno, lo scrivente Dirigente del Dipartimento di Prevenzione del locale Distretto di Canicattì, non è mai stato interpellato né ha ricevuto richiesta di parere alcuno da parte di chicchessia.

Lo stesso dicasi per la successiva Ordinanza di sospensione decisa in assoluta autonomia dallo stesso Sindaco.

Con riferimento alle dichiarazioni con le quali il Sindaco di Canicattì dichiara “erroneamente” di avere richiesto in data 13.11.2020 (prot. 43826) il parere a questo Dipartimento e che l’Ufficio avrebbe omesso di rilasciare il parere rilasciandolo con “tredici giorni di ritardo e dopo innumerevoli sollecitazioni da parte dello stesso Comune”, se ne ribadisce l’assoluta non veridicità, in quanto agli atti di questo Ufficio non è presente alcuna richiesta di parere né tantomeno alcuna sollecitazione scritta o verbale.

E ciò nonostante i ripetuti incontri avvenuti tra il Sindaco e il Dirigente di questo Ufficio anche in occasione della campagna screening della popolazione scolastica avvenuta a mezzo di esecuzione tamponi veloci nelle date del 14 e 15 novembre.

Relativamente alla nota del 13.11.2020 si ricorda al Sindaco che tale comunicazione, pervenuta a  codesto Ufficio in data 13.11.2020 a mezzo mail ore 11.10, aveva ad oggetto la “Predisposizione ulteriore ordinanza Sindacale per la proroga della sospensione delle attività didattiche in presenza nel territorio comunale”, e nessun parere ivi veniva richiesto allo scrivente Ufficio.

Per meglio precisare, nel corpo della nota, il Sindaco, dopo aver specificato la situazione epidemiologica nel territorio comunale, dichiarava di avere assunto autonomamente la determinazione di prorogare la sospensione  dell’attività didattica e, semplicemente di comunicarla allo scrivente Ufficio dichiarando testualmente quanto segue “ In ossequio al principio di leale collaborazione che caratterizza l’agire amministrativo e, ravvisa la necessità di uno stabile coordinamento istituzionale, con con la presente si comunica alla S.V l’intenzione di prorogare i termini di efficacia delle sopra menzionate Ordinanza Sindacale.

Da ciò si evince che nessun parere veniva richiesto allo scrivente Ufficio Sanitario il quale veniva semplicemente notiziato di una decisione già presa autonomamente dal Sindaco di Canicattì che si ricorda, è l’unico organo a poter emettere tale provvedimento sospensivo.

In merito alla richiesta del parere formulata dal Sindaco a questo Ufficio,  è presente una sola richiesta datata 23.11.2020 (prot.45219) pervenuta soltanto in data 25.11.2020 ore 11.31 e allorquando il Sindaco, in assoluta autonomia, aveva già disposto la ripresa delle attività scolastiche.

Inoltre, da notizie di dominio pubblico, tale richiesta risulta redatta ed inoltrata, dopo che molti soggetti istituzionali e non (Sindaco stesso, Dirigenti scolastici, genitori, alunni e Camera del Lavoro) tramite mezzi di informazione e social, da alcuni giorni stigmatizzavano come l’ASP non fosse stata coinvolta nella predetta scelta.

Quindi da quanto sopra appare chiaro che nessun ritardo o omissione vi è stato nel rilascio del parere di legge poiché, non appena pervenuta la richiesta (per altro su supporto informatico errato), nel giro di qualche ora, alla luce della situazione epidemiologica in corso, si è provveduto ad emanare il parere con protocollo 183160 del 26/11/2020 con la dicitura “MASSIMA URGENZA” indirizzata alla pec istituzionale del Comune, alla mail dell’Ufficio del gabinetto del Sindaco alle ore 13.58 circa (e non in tarda serata come affermato erroneamente dal Sindaco), ai dirigenti scolastici della Città.

Si spera che la superiore elencazione cronologica dei fatti per come succedutesi in realtà, consenta al Sindaco di voler rettificare le proprie errate affermazioni (ingiustificate accuse) che tenderebbero ad imputare omissioni o ritardi di settimane a questo Ufficio onde giustificare scelte politico-amministrative di Sua esclusiva competenza.

Sperando di avere chiarito definitivamente le circostanze, sempre in un’ottica di  correttezza e collaborazione istituzionale.

Distinti saluti.

Dott. G. Licata



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



2 Risposte per “Canicattì. L’ASP: Sindaco Di Ventura , rettifichi le affermazioni errate e le ingiustificate accuse”

  1. Positivo al covid ha detto:

    Sono un positivo al covid, con sintomi, isolato a casa con il resto della famiglia tra cui un figlio che ha contratto il virus a scuola. Mi sto chiedendo da giorni se per tutelare i miei diritti non fosse il caso di denunciare le inadempienze riscontrate al fine di individuare responsabilità e fare in modo che altri non contraessero il virus per inadempienze altrui. Quello che è successo in questi giorni mi da la certezza che un po tutti corrono ai ripari per addosare ad altri le proprie responsabilità: faccio infatti riferimento: 1) all atteggiamento della scuola che NON è parte passiva che subisce decisioni altrui nella gestione della sicurezza sanitaria e sicuramente E’ parte in causa nella messa in atto di tutti i provvedimenti proattivi alla individuazione e allontanamento di casi sospetti (alunni con tosse) o nell attivazione di campagne di controllo nelle classi dove si ha notizia di potenziali casi (ad esempio professori assenti da giorni in attesa di esito tampone e classi che continuano a fare lezioni); 2 ) all atteggiamento del comune di canicatti che cerca adesso corresponsabiltà dimendicando che le azioni INTEMPESTIVE con cui si sono chiuse le scuole o quelle FRETTOLOSE di riapertura (ad entrambe possono essere addebitati gli ulteriori contagi) sono state PERALTRO assunte SENZA un parere medico/scientifico determinando di fatto una maggiore esposizione al rischio di contagio; 3) anche l attegiamento dell ASP è colposo in quanto ammette che comunque sapeva quello che stava accadendo…

  2. Attento ha detto:

    Ma in tutto questo macello io non ho capito ancora una cosa: MA QUANTI TAMPONI SI FANNO AL GIORNO A CANICATTI??? Se oggi sono stati dichiarati 30 nuovi positivi e la media regionale è circa del 15% di positivi sul numero di tamponi effettuati significa che FORSE a canicatti si fanno almeno 200 tamponi al giorno??? A me sembrano tanti!!! Forse a canicatti si fanno meno tamponi al giorno e quindi la percentuale di positivi sui tamponi fatti è in realta molto più alta della media regionale???? Forse a canicatti al piu si fanno una 50ina di tamponi al giorno e la suddetta media di positivi schizza ad un incredibile 70%??? Se cosi fosse altro che zona rossa significherebbe che a Canicatti c’e’ la pestilenza in questo momento???? Forse è questo che ci stanno NASCONDENDO????

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata