Notizie | Commenti | E-mail / 09:45
                    








Già otto zone rosse in Sicilia, rischio alto in almeno altri sei comuni

Scritto da il 13 gennaio 2021, alle 07:12 | archiviato in Agrigento, Cronaca, cronaca sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Salgono a 8 le zone rosse in Sicilia con una crescita esponenziale del rischio che nessuno si  sarebbe aspettato, catastrofisti compresi. I Comuni di Ravanusa, in provincia di Agrigento, e di Santa Flavia, nel Palermitano, diventeranno “zona rossa”.

Il provvedimento è stato preso dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, d’intesa con l’assessore alla Salute Ruggero Razza, sulla base delle relazioni delle Asp competenti e sentiti i sindaci delle amministrazioni coinvolte.

Le nuove zone rosse scatteranno domani mercoledì 13 gennaio e saranno in vigore sino a domenica 31 gennaio.
Contestualmente, è stata decisa la proroga di un’altra “zona rossa” attualmente in vigore, quella di Capizzi, in provincia di Messina. Con la nuova ordinanza, appena firmata, i divieti in vigore già dal 3 gennaio vengono estesi sino alla giornata di lunedì 25 gennaio.
Le nuove istituzioni s aggiungono alle tre partite ieri, lunedì ovvero i Comuni di Messina, Ramacca e Castel di Iudica, anche loro in zona rossa fino al 31 gennaio con attenzione in particolare puntata sulla città di Messina, unico capoluogo in zona rossa in Sicilia.
Una misura particolare riguarda proprio Messina: dato il ruolo strategico nei collegamenti, sarà sempre consentito il transito attraverso il territorio comunale a quanti dovranno raggiungere altre località all’interno o fuori dalla Sicilia. Nella zona degli imbarcaderi, inoltre, restano operativi i drive-in di controllo per poter effettuare i tamponi rapidi su chi farà ingresso nella Città dello Stretto e, più in generale, nell’Isola.
Proprio su Messina si è consumata l’ennesima polemica fra la Regione e il sindaco De Luca che dopo aver attaccato l’Asp ha emanato una ordinanza più restrittiva di quella regionale ma che l’assessore Razza gli ha chiesto di correggere visto che chiudeva anche i supermercati impedendo l’acquisto dei generi di prima necessità.

A queste sei (compresa Capizzi prorogata) devono esserne aggiunte altre due ovvero le zone rosse di Milena nel Nisseno attualmente in vigore fino a domani mercoledì 13 gennaio e quella di San Fratello in vigore dal 7 gennaio e fino al 21.

Il rischio è alto in altri comuni a cominciare da Agrigento fra i capoluoghi ma che si portadietro altri tre comuni della provincia e due nella provincia di Siracusa mentreil Presidentedell’Anci Sicilia Leoluca Orlando cntinua a chiedere la zona rossa almeno per le città metropolitane di Palermo e Catania



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata