Notizie | Commenti | E-mail / 02:02
                    








Chiusura di tutte le scuole di ogni grado ad Agrigento fino al 30 gennaio

Scritto da il 17 gennaio 2021, alle 07:14 | archiviato in Agrigento, Cronaca. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Chiusura di tutte le scuole di ogni grado ad Agrigento fino al 30 gennaio. E’ quanto disposto dal sindaco Franco Miccichè che nel pomeriggio ha firmato un’ordinanza a scopo di prevenzione del contagio da Covid-19. Una decisione “in contrasto” con quanto disposto invece dal presidente della Regione Nello Musumeci che, recependo l’ordinanza del Ministero della Salute, prevede il rientro in classe degli studenti dell’asilo, delle scuole elementari e di prima media.

Cosa invece che non avverrà ad Agrigento. Il provvedimento “spacca” l’opinione pubblica in Città. In molti, soprattutto genitori, sono favorevoli alla decisione di non aprire le scuole. C’è invece incertezza per il “mondo scolastico” che ha appreso praticamente adesso la sospensione delle attività in presenza.

Resta ferma la possibilità – si legge nell’ordinanza del sindaco di Agrigento – per i responsabili degli istituti di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori e per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione degli alunni con disabilità.

Il sindaco di Agrigento Franco Miccichè ha commentato la decisione di chiudere le scuole di ogni grado nella Città dei Templi fino al 30 gennaio prossimo. Decisione, come era prevedibile, che ha suscitato reazioni contrasti tra i cittadini.

“Qualsiasi decisione si prenda, ci sarà sempre un punto di vista diverso e per questo alcune persone non saranno d’accordo. Le capisco, e in democrazia tutti abbiamo la possibilità di esprimere il nostro dissenso. Ma chi amministra deve seguire gli interessi generali e garantire soprattutto la vita, la salute e la sicurezza del popolo che amministra. Oggi, dopo avere sentito i miei assessori, ho emesso un’ordinanza per chiudere le scuole elementari e la scuola media inferiore. Chi può continuerà la didattica a distanza. Ma in presenza no. E’ troppo rischioso. Proprio oggi allo screening del “drive in” nel piazzale Caos, altri due bambini, uno di scuola elementare e uno di scuola media inferiore, sono risultati positivi. Essendo asintomatici lunedì sarebbero andati regolarmente in classe e avrebbero contagiato in breve compagni e insegnanti. E questi a loro volta avrebbero contagiato i parenti. Ma c’è anche l’assembramento all’entrata e all’uscita della scuola. In questi ultimi giorni ho firmato altre due ordinanze, per asili nido, materne e ludoteche. Non si possono contingentare bambini piccoli che toccano tutto e si toccano tra loro. Bisogna fare qualche sacrificio. Tutti dobbiamo farlo. Nell’interesse della loro vita, della nostra e di quella dei nostri cari. Ci sarà tempo per tornare alla normalità. Ma non è adesso.”

 



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata