Notizie | Commenti | E-mail / 01:21
                    








Giudice Livatino, la posizione della Chiesa: “Salma venga trasferita ad Agrigento”

Scritto da il 18 gennaio 2021, alle 09:41 | archiviato in Agrigento, Canicattì, Costume e società, Cronaca, IN EVIDENZA, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Si potrebbe arrivare ad uno “scontro” istituzionale tra la Curia di Agrigento e il Comune di Canicattì in merito al trasferimento della salma del giudice Livatino. Negli scorsi giorni il consiglio comunale di Canicattì ha ribadito all’unanimità la volontà di non far trasferire la salma del giudice Rosario Livatino, ucciso il 21 settembre 1990 dalla mafia e adesso primo magistrato beato dalla Chiesa, ad Agrigento. Lo scrive il quotidiano La Sicilia.

L’Arcidiocesi di Agrigento ha però preso una posizione chiara e netta con una lettera a firma del cardinale Francesco Montenegro, arcivescovo della Città dei Templi: “La sepoltura privilegiata nella Cattedrale di Agrigento – scrive il cardinale – sarebbe preferibile e auspicabile visto che la riconosciuta santità del battezzato diventa dono per tutta la chiesa. Il beato viene infatti proposto come modello di vita evangelica per l’intera comunità”.

La Cattedrale – continua il cardinale – simboleggia in tal senso l’unità della diocesi. La custodia delle reliquie nella cattedrale di Agrigento garantirebbe alla sua memoria una maggiore visibilità non solamente logistica. Va tenuto conto – prosegue l’arcivescovo – che il giudice Livatino ad Agrigento ha svolto il suo ministero, quello per cui sarà beato e nel tragitto verso il capoluogo ha subito il suo martirio”.

 



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



2 Risposte per “Giudice Livatino, la posizione della Chiesa: “Salma venga trasferita ad Agrigento””

  1. FRANCO ZANINI ha detto:

    Il Cardinale Montenegro è abituato alla acquiescenza pavida della Comunità Agrigentina che sopporta tutto in silenzio.Siamo arrivati al punto che a Porta di Ponte ,ingresso al cosiddetto salotto di Via Atenea,nelle nicchie destinate alle statue decorative stazionano extracomunitari nullafacenti con le gambe a penzoloni dalla mattina alla sera!Invito la Comunità Canicattinese a resistere a quello che è l’ennesimo atto di arroganza perpetrato a danno delle Comunità Religiose in nome di un malinteso senso di Centralismo di potere caro a certe gestioni dittatoriali!

  2. PRONTI ALLE BARRICATE ha detto:

    Non ci provino nemmeno. Muoviamoci e dichiariamo subito di essere pronti alle barricate. Il giudice Livatino è e rimane a Canicatti. La visibilità la lasciamo ai VANITOSI. Vergogna!!!

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata