Notizie | Commenti | E-mail / 02:06
                    








Ma che razza di rosso siamo…… zona rosso cardinale, rosso corsa, rosso Ferrari o rosso Valentino ?

Scritto da il 18 gennaio 2021, alle 11:18 | archiviato in #Esclusiva, Canicattì, Cronaca. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

E zona rossa sia. Ma che tonalità di rosso? Rosso cardinale, rosso corsa, rosso Ferrari, rosso Valentino? Perché a detta di alcuni una regione rossa si presume che sia in lockdown totale, cioè l’inibizione totale a stare in giro se non per giustificabili motivi. Questa disposizione con la finalità di evitare gli assembramenti e quindi il diffondersi del virus.

Tutto questo ha sicuramente un costo in termini economici, con attività che probabilmente non riapriranno mai più ,in termini sociologici, con l’abbrutimento dei rapporti sociali dovuti al distanziamento, in termini strutturali, intendendo la trasformazione della società e delle relazioni che in essa si muovono.  Su queste disposizioni credo che nessuno di noi possa mettere bocca, non possedendo conoscenze tecniche, le stesse demandate al famoso comitato tecnico che analizza dati e fatti e conseguentemente dispone.

Però pur non avendo alcuna competenza per determinare giudizi, ritengo si possano comunque porre delle domande, magari riferite a situazioni che sembrano non avere una logica. La foto a corredo di questo articolo è stata scattata stamani all’entrata di una scuola. Sappiamo tutti che la didattica in presenza è stata consentita alla scuole elementari e alle prime classi della scuola media. Senza volere scomodare l’accademia della Crusca per analizzare l’etimologia della parola “ assembramento” secondo voi quello che vediamo nella foto cos’ è?

Aggiungo non solo è un palese assembramento e molto di più, perché l’accompagnare i figli a scuola mette in giro una massa di genitori e nonni che non è detto che rientrino immediatamente a casa. Senza volere fare polemica alcuna, ma qual è il senso di tanti sacrifici, del costosissimo prezzo che tutti stiamo in un modo o nell’altro pagando affinchè si possa arginare il contagio per poi lasciare aperti spifferi dai quali il virus può continuare indisturbato la sua infame missione?



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



3 Risposte per “Ma che razza di rosso siamo…… zona rosso cardinale, rosso corsa, rosso Ferrari o rosso Valentino ?”

  1. Federica ha detto:

    Cito: “Io vi chiedo scusa”. Lettera di un’insegnante agli studenti italiani
    Francesca D’Alessio pubblicata su REPUBBLICA IL 9.1.21
    “Io vi chiedo scusa perché vi stiamo insegnando che la cultura è la prima struttura di una nazione a poter essere sacrificata; perché vi stiamo proponendo una società fatta solo di consumi, commercio e di soldi: abbiamo chiuso le scuole ma abbiamo lasciato che i vostri pomeriggi fossero senza controllo tenendo aperti i centri commerciali e alcuni luoghi di ritrovo – tristemente noti per risse e assembramenti – permettendo una socialità fine a se stessa e a volte insana.”
    Per chi volesse leggere la versione integrale ecco il link

    https://www.repubblica.it/cronaca/2021/01/09/news/lettera_studenti_chiedo_scusa-281876429/

  2. Massimo ha detto:

    Ancora una volta la Verga. A questo punto mi sorge un dubbio o sta capitando che le famglie degli alunni di questa scuola non hanno capito nulla oppure peggio la scuola (preside e prof) non hanno capito nulla. Forse entrambe le cose. Eppure e adesso lo possiamo dire (non fa più scandalo) proprio in questa scuola ci sono stati almeno due focolai, gestiti malissimo (da tutti comune, scuola genitori) che hanno comportato quarantene di intere famiglie, diffusione del virus, sintomi anche gravi, assenze dal lavoro, necessità di disinfestazione nei luoghi di lavoro dei genitori, isolamento delle catene dei contatti stretti o indiretti… Eppure alla prima occasione…. assembramenti. Dicono che la scuola è un luogo sicuro… io ho il dubbio che sulla pelle degli studenti si giochino partite politiche di facciata (nazionali e locali) che denotano i tempi bui che stiamo attraversando… il virus ha occupato gli spazi lasciati liberi dall ignoranza, dall opportunismo e dall inadeguatezza di tutti gli attori sociali: genitori, professori, dirigenti scolastici, politici… La cura di tutto ciò spero possa bastare nella Cultura… quella con la C maiuscola… quella che ci fa stare con umiltà al nostro posto, a fare il nostro dovere ognuno con la sua specialità e con ammirata deferenza verso la competenza altrui…

  3. CHE ROSSO SIAMO? ha detto:

    Siamo un Rosso Vino.
    Lo stesso Rosso che piace a chi crea assembramenti davanti ai bar in tutta Canicattì. Lo stesso Rosso che col tempo “fotterà” i proprietari dei bar costretti alla stretta del tira e molla. Lo stesso Rosso della crisi sociale e di valori che viviamo giornalmente.
    Canicattì non è stata mai una città civile al 100%.
    Nemmeno la Sicilia lo è stata mai!
    Neppure l’Italia intera!

    Rosso come il colore della Bandiera.
    Quel che rimarrà dopo il covid.

    Specialmente se non passerà tra qualche mese.

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata