Notizie | Commenti | E-mail / 01:59
                    








Zona Rossa, Confesercenti: “Discriminati negozi abbigliamento”

Scritto da il 23 gennaio 2021, alle 07:06 | archiviato in Agrigento, Costume e società, Cronaca, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

“La zona rossa in  Sicilia, stabilita dal governo, a seguito delle accorate sollecitazioni del presidente Musumeci con le ulteriori restrizioni decise dalla giunta regionale, ha di fatto creato una situazione che non garantisce ne gli aspetti per limitare le occasioni di contagio ne un trattamento equo nei confronti delle attività commerciali”.

Lo dichiara il presidente di Confesercenti Sicilia Vittorio Messina.“Per altro. – aggiunge –  vengono penalizzate oltremodo e senza giustificazioni le imprese dell’abbigliamento e delle calzature. Tante sono infatti le attività aperte e non tanto limitato risulta pertanto il movimento delle persone, per cui non si comprende perché i negozi di abbigliamento e calzature debbono essere quelli che sono costretti a pagare il prezzo più alto della crisi, considerato anche che sono i settori che meno hanno ricevuto come ristori”.

“ Le cifre drammatiche – continua Vittorio Messina – che si riferiscono ai primi giorni dei saldi invernali la dicono lunga sul fatto che certamente non si tratta di attività che possono fare temere particolari e pericolosi assembramenti. Si chiede pertanto di intervenire in tal senso e porre rimedio ad una palese discriminazione che non ha alcun valore sul piano delle misure anticovid ma che certamente ha un peso notevole per quanto riguarda la probabilità che molte saracinesche non si rialzeranno dopo la fine del lockdown”.“Piuttosto  – conclude il presidente Messina –  ci si impegni ad adeguare le strutture sanitarie della Sicilia ai criteri stabiliti dal sistema sanitario nazionale evitando di stressare ulteriormente chi lavora nei nostri ospedali. Non c’è dubbio infatti che ci troviamo in zona rossa, più che altro per la fragilità della sanità siciliana. Inoltre, desta grande preoccupazione l’orientamento del presidente Musumeci a volere prolungare le limitazioni imposte in zona rossa a seguito del comportamento disinvolto si tanti cittadini. Questo non può essere certo il rimedio per superare tale impasse, piuttosto si intensifichino i controlli e  si responsabilizzino le persone con una adeguata campagna di comunicazione che spieghi come il mancato rispetto delle regole danneggia la salute e l’economia”.

 



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata