Notizie | Commenti | E-mail / 00:51
                    








Ristoratori in ginocchio, lettera a Conte, “tasse e mutui da sospendere”

Scritto da il 25 gennaio 2021, alle 06:24 | archiviato in Economia, Photo Gallery, Politica, politica sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Invece della solita carta e penna, i ristoratori di Palazzolo Acreide, Comune montano del Siracusano, hanno accesso il pc ed inviato un Pec al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, per lanciare non solo l’ennesimo grido d’allarme ma soprattutto per sottoporre alcune proposte.

I numeri
La ristorazione, in questo pezzo di territorio del Siracusano, è vitale, è uno dei motori dell’economia locale, che conta circa 400 persone, impiegate in una comunità di circa 8 mila abitanti. Ci sono 32 locali, senza contare i bar, 12, e le pasticcerie, 12. Nel Siracusano, è uno dei posti più gettonati tra coloro che amano la buona tavola ma i coperti ormai sono solo un ricordo ed il fallimento è alle porte. Nei giorni scorsi, i gestori hanno consegnato, in modo simbolico, al sindaco, Salvatore Gallo, le divisa da chef, poi appese all’ingresso del Municipio.

“Gli stessi aiuti ricevuti in questo ultimo anno, che avrebbero dovuto mitigare le conseguenze delle chiusure prolungate, sono risultati insufficienti a fronteggiare le spese correnti e a sostenere le famiglie che vivono di ristorazione” spiegano i ristoratori rivolgendosi al Presidente del Consiglio.
Le proposte
Nella lettera, inviata alla Pec del Capo del Governo nazionale, sono indicate le proposte. “Chiediamo la sospensione immediata di tutte le rate su mutui ipotecari, mutui chirografari, prestiti personali e leasing, contratti per sia l’attività che a titolo personale”.

“Fondamentale, poi,  il sostegno integrale per il pagamento dei canoni di locazione dei locali sia per le attività che per le civili abitazioni dei ristoratori. Chiediamo, inoltre, il sostegno integrale per il pagamento delle utenze delle attività, il versamento dei contributi Inps per tutto il periodo di emergenza, l’annullamento di tutte le cartelle esattoriali pregresse”.
Ed ancora. “Il riconoscimento di un sostegno economico mensile legato al carico familiare e alle effettive
esigenze personali e familiari ed il sostegno economico mensile ai dipendenti licenziati e che non fruiscono di cassa integrazione”.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata