Notizie | Commenti | E-mail / 20:59
                    








Canicattì: “non ci sono soldi per molti, ma non per tutti”. Il comitato Civico 2021: “Il Sindaco anticipa 600 mila euro a una cooperativa”

Scritto da il 18 febbraio 2021, alle 09:26 | archiviato in #Esclusiva, Canicattì, Cronaca. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Riceviamo e pubblichiamo una nota da parte del comitato 2021 che ci auguriamo venga immediatamente smentita dai chiamati in causa. Come sempre la nostra testata mette a disposizione di coloro che intendono replicare a questa nota lo spazio loro necessario per come previsto (art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 ).

Il Comune di Canicattì si scopre GRANDE BENEFATTORE,  se parliamo di riparare le strade : NON CI SONO SOLDI;  se parliamo di sistemare i giochi per i bambini : NON CI SONO SOLDI; se parliamo del verde pubblico: NON CI SONO SOLDI; se parliamo di riparare le strade perché piene di buche: NON CI SONO SOLDI; se parliamo dell’illuminazione di c.da Rinazzi: NON CI SONO SOLDI; se parliamo di migliorare il centro storico: MANCANO I SOLDI ; se parliamo di acquisire al patrimonio Comunale la casa che fu del Beato Livatino: NON CI SONO SOLDI ; se parliamo di acquisire la casa che fu del Sen. Sammartino(autentico gioiello dell’800) : NON CI SONO SOLDI; se parliamo di manutenzionare le case popolari: NON CI SONO SOLDI;  insomma non ci sono soldi per fare niente ad eccezione di quelli che servono per essere anticipati in nome e per conto dello STATO.

Sembra che stia per passare inosservato che il Comune di Canicattì su precisa disposizione del Sindaco ha anticipato circa € 600.000,00 per corrisponderle alla cooperativa che gestisce gli asili nido Comunali.

Noi siamo convinti che gli asili nido debbano essere gratuiti per tutti ma tale obiettivo si raggiunge con delle strutture gestite dal Comune e con personale Comunale e non cercando di riempire i conti correnti delle cooperative private e per giunta non territoriali .

Il Comune di Canicattì ha concesso in gestione due asili: uno in via Mons. Ficarra ed un altro in via Nazionale, noi non sappiamo quanto fanno pagare ai Cittadini che portano i loro figli ma di certo percepiscono un contributo a carico dello STATO pari a circa € 850,00 mensili per bambino, una cifra enorme che non esiste nel mercato degli asili in Città, dove si parla di circa € 200,00 mensili. Tale contributo però è pagato dallo STATO che effettua periodicamente il trasferimento del denaro, la Cooperativa però nonostante  questi margini “spaventosi” non vuole aspettare il trasferimento dello stato cosi d’Accordo con la generosità del Sindaco, che in questo caso si scopre benefattore, gli vengono anticipate le somme.

ai sensi e per gli effetti dell’art. 5 del d.lgs n. 33/2013 si chiede al Dirigente dei Servizi Sociali  di avere accesso e copia dei seguenti documenti:

  • Rendiconto relativo ai predetti asili ;
  • Copia dell’organigramma degli asili;
  • Certificazione dalla quale risulti che i dipendenti sono stati regolarmente pagati e il durc aziendale;
  • Copia della liberatoria dell’Agenzia delle Entrate relativo alla cooperativa .

Poiché si potrebbe verificare l’ipotesi che lo Stato non effettua il pagamento al Dirigente dell’Ufficio Ragioneria chiediamo , ai sensi e per gli effetti dell’art. 3 del d.lgs n° 33/2013, di essere portati a conoscenza di chi li dovrebbe pagare le somme anticipate.

 

Canicattì 17/02/2021

 

IL SEGRETARIO

Calogero Giarratana

IL PRESIDENTE

Giuseppe Giardina



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



1 Risposta per “Canicattì: “non ci sono soldi per molti, ma non per tutti”. Il comitato Civico 2021: “Il Sindaco anticipa 600 mila euro a una cooperativa””

  1. Cittadino ha detto:

    Spero una smentita veloce e chiara… altrimenti x questa gente non è sufficiente il solo ritorno a casa…. con 600 mila euro si potrebbe organizzare a Canicatti una cerimonia di beatificazione del giudice Livatino da fare impallidire la diocesi di Agrigento. E con tutto il rispetto per la Santità del momento sarebbe anche un investimento per tutto quello che potrà significare economicamente per la città di Canicatti il sostegno e la promozione del culto del prossimo beato Livatino. Non ci meritiamo la classe politica che sta attualmente governando… dormienti!!!

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata