Notizie | Commenti | E-mail / 00:56
                    








Ponte sullo Stretto, la Lega Sicilia incalza “Ogni tesserato dovrà impegnarsi per sua realizzazione”

Scritto da il 23 febbraio 2021, alle 06:24 | archiviato in Politica, politica sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

“il presidente del Consiglio Mario Draghi sarà costantemente incalzato dalla Lega sul Ponte sullo Stretto di Messina. Sono molto soddisfatto di ciò che sta facendo Matteo Salvini e dalle sue ultime dichiarazioni. Del resto proprio l’infrastruttura che dovrà collegare Sicilia e Calabria è uno dei capisaldi del ‘Dossier Sicilia‘ che proprio a Salvini ho recentemente consegnato”. Così il coordinatore della Lega Sicilia Nino Minardo.

“Le parole del nostro leader sono state queste: c’è un progetto aggiornato a oggi sul ponte sullo Stretto, che lavorerebbe con acciaio prodotto a Taranto, sono centomila posti di lavoro, mi aspetto che Draghi rilanci subito sul Ponte’. Bene, io non solo queste parole le condivido al 100% ma aggiungo che adesso ogni singolo tesserato e sostenitore fino a tutti gli eletti e i parlamentari regionali e nazionali della Lega Sicilia si dovrà impegnare in un’autentica battaglia politica per spronare il nuovo governo e la maggioranza che lo sostiene a realizzare questo grande progetto. Come ho già detto: ora o mai piu’! La fase di ricostruzione post-pandemia è la migliore occasione dal dopoguerra in poi per dotare finalmente la Sicilia di infrastrutture moderne: il Ponte sullo Stretto di Messina dovrà essere quella piu’ utile e imponente”.

Lega Sicilia ed il dossier Sicilia
Ecco che davanti all’appuntamento del Recovery Plan che dovrebbe essere ripensato dal nascente Governo, la Lega Sicilia fa sentire la sua voce attraverso Nino Minardo che ha inviato una lettera a Matteo Salvini evidenziando le priorità per l’Isola, messa a dura prova per non dire prostata dalla crisi economica determinata dalla pandemia.
“Ora o mai più dobbiamo modificare e innovare contenuti, idee e linguaggio in politica, vale ovunque ma credo sia indispensabile soprattutto nella mia Sicilia – scrive Minardo -. La nostra Regione è in una crisi profondissima, negarlo sarebbe miope, la pandemia ha accentuato il divario strutturale che ci portavamo sul groppone da decenni. Le solite lamentele, le vecchie soluzioni e gli schemi a cui siamo stati abituati forse non servono più, sicuramente non bastano. Apprezzo e condivido in pieno le scelte che la Lega ha fatto in questi giorni; il lavoro tuo e di tutto il gruppo dirigente nazionale è stato prezioso, incentrato al pragmatismo ed è la prova di un acume politico a servizio dell’Italia, degli italiani e del futuro. La Lega Sicilia dal canto suo ha lavorato (e continua a farlo) a un ‘dossier Sicilia’. Ci sono sostanzialmente due linee su cui correre in Sicilia: 1) La prima è quella dei ristori immediati: ci sono centinaia di migliaia di siciliani allo stremo e in particolare piccoli e medi imprenditori e autonomi. 2) La seconda è quella di una visione nuova e coraggiosa per il futuro”.

“Recovery Fund la parte destinata alla Sicilia servirà in primis a creare lavoro – sottolinea -. Nei giorni precedenti Natale, tornando da Roma e attraversando lo Stretto di Messina sul traghetto vedevo i siciliani che lavorano fuori e rientravano; ho immaginato il percorso inverso ovvero una Sicilia in grado non solo di dare lavoro ai suoi residenti ma di attrarre anche braccia e intelligenze da oltre lo Stretto e farli imbarcare sul traghetto a fine anno per tornarsene a passare le feste in famiglia in Campania, Piemonte, Toscana o Abruzzo. Nella mia Sicilia il cuore pulsante della creazione di lavoro si allargherebbe nei cerchi concentrici dei Beni Culturali, dell’Agroalimentare, del Turismo e di una nuova industria. Infrastrutture, nuovi modelli produttivi e fiscalità di vantaggio per il made in Sicily sono altri tre punti imprescindibili, tre “cerchi” fondamentali in questa nuova visione. E se saremo bravi potremo sanare anche vecchie pendenze, ferite e criticità, penso al precariato, al sistema dei rifiuti, ad una burocrazia che, al di là delle buone intenzioni e promesse, diciamocelo onestamente, è ancora avvitata su se stessa, poco reattiva, obsoleta, lenta. Lockdown, smartworking e altro in alcuni casi hanno peggiorato la situazione e ingolfato ulteriormente la Pubblica Amministrazione. Fiscalità di vantaggio: Sblocchiamo l’iter di approvazione della legge costituzionale, richiesta con legge voto dell’Ars, che introduce nello Statuto siciliano le norme per il riconoscimento degli svantaggi derivanti dall’insularità. Per 10 anni,al fine di attuare un reale rilancio dell’economia attiva, e non assistenziale, l’intero territorio regionale dovrebbe essere dichiarato zona franca, sul modello di quanto avvenuto in Irlanda all’inizio del nuovo secolo. Un’area aperta agli investimenti nazionali ed esteri, a tassazione ridotta e procedure semplificate, in alcuni settori ben determinati: turismo, tecnologia e ricerca, farmaceutica, mobilità alternativa.
I Beni Culturali devono essere il cuore pulsante della nuova visione di sviluppo siciliano. Un piano per i restauri e la messa in sicurezza dei siti problematici, un altro piano per l’ulteriore valorizzazione di quelli già funzionali e accessibili. Il sistema turistico siciliano dev’essere ulteriormente stimolato e con una promozione mirata e divisa in due fasi. La prima nell’immediatezza per il turismo interno regionale e quello nazionale visto che, almeno per i prossimi mesi, immaginiamo l’assenza o perlomeno il perdurare della drastica diminuzione di turismo estero. La seconda ad ampio raggio, per presentare e rendere appetibile il marchio ‘Made in Sicily’ in Europa, in Asia e nel continente americano. Rilancio anche una mia proposta di legge che mira alla creazione di un ‘Marchio Turistico Regionale’. Lo sviluppo dell’agricoltura e la crescita del comparto devono essere sostenuti dalla capacità degli imprenditori, coinvolti nelle singole filiere, di consorziarsi con la precisa funzione di tutelare le produzioni agroalimentari soprattutto quelle con i marchi di qualità Dop e Igp. Un lavoro in parte già fatto ma non ancora sufficiente”.
Dossier Sicilia targato Lega, le priorità sul fronte sanitario
L’attenzione poi al fronte sanitario. “La Sicilia è un miscuglio indistinto di grandi eccellenze e di criticità da terzo mondo. Bisogna rendere omogeneo, moderno e funzionale il nostro sistema sanitario. Abbattimento delle liste d’attesa, lavoreremo anche in Sicilia per sposare il progetto veneto degli ospedali aperti di notte per permette di fare esami diagnostici fino a mezzanotte, il sabato e la domenica. Per il resto il gruppo di lavoro della Lega Sicilia sta preparando un piano specifico su cui indirizzare l’ampia quota di Recovery Fund destinata alla sanità.
Scuola – continua Minardo -. Per il settore sappiamo che complessivamente sono previsti circa 7 miliardi di euro per l’edilizia scolastica e 14 miliardi per tutti gli altri capitoli fra cui accesso all’istruzione, potenziamento della didattica e percorsi professionali. Ampie porzioni del territorio siciliano sono ad elevatissimo rischio sismico, in particolare l’area del sud est. La Lega Sicilia ha pronto un piano specifico per indirizzare la quota spettante all’edilizia scolastica siciliana all’adeguamento di tantissimi istituti obsoleti e pericolosi oltre, chiaramente, agli altri investimenti in personale e potenziamento della didattica”.
Da qui poi il riferimento al Ponte sullo Stretto che la Lega “definisce come un volano economico fondamentale ma anche garanzia per un reale affrancamento per i siciliani dal giogo di una mobilità feudale che fa dipendere il diritto a circolare liberamente sul territorio nazionale dai capricci delle compagnie aeree, o, peggio ancora, dai prezzi folli imposti dagli oneri di traghettamento”.

Dossier Sicilia, anche la sicurezza è priorità per la Lega nell’Isola
Poi le priorità di sempre all’agenda della Lega: “L’immigrazione. Tema delicatissimo. Un nostro appoggio al governo Draghi non possa che passare anche per la fermezza sui respingimenti e sulle limitazioni massime all’immigrazione illegale. La Sicilia e i siciliani contano su di te.
Un asilo nido per ogni Comune. Molti piccoli comuni fanno fatica oggi a trovare le risorse per costruire, o solo garantire, una struttura, come l’asilo nido, che fornisce un servizio essenziale a molte famiglie e che costituisce un avamposto di welfare familiare indispensabile. Per tale ragione lo Stato potrà, e dovrà farsi carico, di un’iniziativa che preveda, a suo totale impegno economico, la costruzione di un asilo nido in ogni comune sotto i 10.000 abitanti, di due nei comuni tra 30.000 e 50.000, di tre fino a 100.000 abitanti e di uno in ogni quartiere nei capoluoghi e nelle aree metropolitane. La tele sorveglianza come misura di prevenzione del crimine. Tutti i dati in nostro possesso ci dicono che laddove i centri urbani sono interessati ad un serio ed organico progetto di perimetrazione sorvegliata con telecamere, l’incidenza dei reati è in picchiata fino ad azzerarsi. Ogni città siciliana con più di 50.000 abitanti, ovvero le città più piccole, ma interessate da fenomeni di criminalità organizzata e microcriminalità diffusa, dovrà essere dotata di un sistema di video sorveglianza con collegamento in tempo reale sia con le Questura che con i comandi provinciali e locali dei Carabinieri. Per consentire l’attuazione di tale progetto il Ministero dell’Interno e quello della Difesa dovranno garantire l’assunzione straordinaria di un numero adeguato di personale specializzato Non so da quanti anni la politica siciliana parla (spesso a vanvera) di riforme, nuove strategie, rinascita etc. Io ho appena compiuto 43 anni, diciamo che sono abbastanza avanti con l’età per avere consapevolezza che se ne parla da troppo e ancora giovane per ricordare da quando se ne è cominciato a parlare. Dalle parole ai fatti, ora o mai più!”

“Concludo ricordando che questo “dossier Sicilia” che ti consegno si intreccia e si completa con il lavoro che assieme ai deputati regionali e al nostro assessore regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana, Alberto Samonà, stiamo facendo nel Parlamento siciliano dove sta cominciando il dibattito sulla Finanziaria -sottolinea Minardo -. A te, caro Matteo, affido questo ‘dossier Sicilia’ con fiducia, amicizia e la consapevolezza che la Lega lavorerà sempre per l’interesse dell’Italia e degli italiani, della Sicilia e dei Siciliani”.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata