Notizie | Commenti | E-mail / 10:59
                    








Canicattì la zona artigianale come la fontana di Trevi di Totò?

Scritto da il 5 marzo 2021, alle 12:33 | archiviato in #Esclusiva, Canicattì, Cronaca, IN EVIDENZA. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Riceviamo e pubblichiamo da parte del comitato 2021 e come al solito invitiamo  chi volesse replicare daremo egli lo stesso spazio a disposizione

 

Questo Comitato Civico 2021 ha  sentito le dichiarazione del Sindaco che parla di un presunto ABUSO relativo alla piantumazione di un albero e all’apposizione di due panchine,  a tal riguardo ha ritenuto di fare esaminare il caso a dei tecnici per capire meglio.

Dall’analisi del caso è risultato che “addirittura” il vero abuso è stato commesso dall’amministrazione Comunale infatti  si sono posti in vendita dei “lotti” di area artigianale  che tecnicamente e giuridicamente non esistono , come si nota dalla seguente figura, i terreni interessati risultano ancora con le particelle originarie ed intestati ai vecchi proprietari. Non si conosce, altresì,  se è stata completata la procedura di esprorpio, se vi sono dei contenziosi in ordine all’indennità di esproprio, ecc.. ecc…

Quindi , come si evince dalla stessa pubblicazione del Comune, ed aggiungiamo da quello che si rileva dal sito dell’Agenzia delle Entrate, è stata effettuata una lottizzazione abusiva, o quanto meno una lottizzazione non registrata all’agenzia delle entrate, che è sempre un grave inadempimento.

Quindi praticamente si vogliono vendere dei lotti che tecnicamente e giuridicamente non esistono, in sintesi l’atto di vendita non si potrebbe fare perché le aree non risultano intestate al Comune .

Per quanto riguarda l’applicazione del codice della strada citiamo una sentenza della Corte di cassazione per sede stradale  “si intende l’apertura alla circolazione di un numero indeterminato di persone, e cioè la possibilità giuridicamente lecita di accesso all’area da parte del pubblico (Cass. Civ., Sez. I, sent. n. 5414 del 07.05.1992) per assenza di sistemi protettivi (sbarre, catene, paletti) e/o di visibili divieti”, l’area come è notorio è visibilmente chiusa con dei blocchi di cemento ed inibita al traffico quindi si esprimono dubbi sull’applicazione del codice della strada .

In ogni modo sia l’Albero, di cui si parla, che le panchine sono state apposte in terreni vergini senza rovine di opere pubbliche quindi non esiste alcuna infrazione, aggiungiamo che il Comune non potrebbe comunque intervenire perché le aree catastalmente non risultano  di proprietà Comunale.

Quindi il Sindaco oltre ad avere fatto un grande errore dal punto di vista sociale ha commesso uno strafalcione tecnico-giuridico.

Se i fatti sono come sembrano l’Amministrazione Comunale oltre ad avere consumato un abuso con la lottizzazione busiva sta perpetrando una truffa a danno degli artigiani tentando di vendere quanche cosa che non è giuridicamente suo.

Comunque questo COMITATO CIVICO 2021 donerà un albero al Sig. Russo per essere piantumato in idoneo spazione nella cosiddetta zona artigianale.

Aspettiamo che l’AMMINISTRAZIONE CHIARISCA IL TUTTO.

 

Canicattì 05/03/2021

 

IL SEGRETARIO
Calogero Giarratana

IL PRESIDENTE

Giuseppe Giardina



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



2 Risposte per “Canicattì la zona artigianale come la fontana di Trevi di Totò?”

  1. Massimo ha detto:

    Facciamo diventare quell albero “l’albero della civiltà”… voglio vedere come e chi potrà parlarne male o abbatterlo..

  2. Hiram ha detto:

    L’ accatastamento attuale ancora ai vecchi proprietari, non esclude il passaggio della proprietà dei beni alla mano pubblica. Detto questo, vi consiglio, di procedere con regolare richiesta di piantumazione e di “abbellimento” della zona attraverso l’installazione di due panchine e di un albero d’alto fusto.
    Richiesta da presentare agli uffici preposti.
    La Legge va rispettata.
    Sempre.

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata