Notizie | Commenti | E-mail / 11:53
                    








Canicattì: vietato essere persona per bene !!!

Scritto da il 7 marzo 2021, alle 08:17 | archiviato in #Esclusiva, Canicattì, Cronaca, IN EVIDENZA. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Avete capito bene, non abbiamo sbagliato titolo. Canicattì è il primo paese in Italia dove è vietato essere persona per bene. Qui puoi appropriarti di un marciapiede, puoi vendere le tue mercanzie sopra le strisce pedonali, mettere cartelli pubblicitari dappertutto, appropriarti di spazi comuni senza dovere dare alcuna giustificazione, istallare telecamere abusive, insomma tutto quanto proibito dalla legge in un paese normale qua è consentito, se poi hai anche qualche parente nella pubblica amministrazione il punteggio sale e puoi permetterti qualche abusino in più.

Ma guai e dico guai a essere una persona per bene. Un cittadino che si sostituisce alla inefficienza e alla incapacità di chi è pagato per gestire questa città. È capitato personalmente a me. L’estate scorsa io e un gruppo di volontari autofinanziandoci, dopo innumerevoli segnalazioni di pericolo presenti sulla strada di contrada Pidocchio, dopo diversi danni e incidenti ad automobilisti e motociclisti, decidemmo di coprirci le buche da noi. Raccolti  i soldi di una parte degli abitanti della zona e  con la forza delle, nostre braccia pur non essendo del mestiere, abbiamo messo in sicurezza la zona, se non prima di ricevere la visita di una pattuglia dei vigili urbani mandata sulla zona a prendersi le nostre generalità, una forma subdola di intimidazione degna dello zio Totò. Per fortuna in quell’occasione anche i poveri vigili si sono complimentati per il lavoro svolto e al contempo mortificati per l’ordine da eseguire.

La storia si ripete e i “ bravi” di manzoniana memoria vengono riutilizzati come da copione.

Il sig Russo è un gentile pensionato che ha messo a disposizione il suo tempo e la sua volontà insieme alla sua famiglia per rendere fruibile una zona che qui chiamiamo “zona artigianale” uno di quei progetti che vengono realizzati  solamente per  spendere danaro piuttosto che  realizzare qualcosa che possa realmente servire. Uno di quei luoghi frequentati o dalla Stefania Petix di Striscia la notizia  o da Brumonti o da Pinuccio rispondi.

Ci siamo capiti, una cattedrale nel deserto costata circa 5 milioni di euro , dove hanno dimenticato di realizzare le entrate e pertanto più che una zona artigianale può essere utilizzata come circuito sportivo. Cosa che i canicattinesi hanno ben pensato di fare. Da giornalista mi sono occupato tantissime volte di quel luogo, ho denunciato tanti tentativi che lo avrebbero fatto diventare o una discarica di materiale inerte o un centro rom. Ma torniamo al sig. Russo. Il sig. Russo è diventato un simbolo di questa città, apprezzato da tutti i canicattinesi  8 per bene)che frequentano quella zona e che  grazie a lui possono continuare a utilizzarla in sicurezza. Piccini, anziani, mamme, atleti sono grati al sig. Russo che da solo senza chiedere nulla e senza alcun aiuto e riconoscimento da parte di chi avrebbe dovuto proteggere quella zona ha realizzato un miracolo.

La generosità della gente ha fatto il resto. Chi ci ha donato qualche panchina chi la statuetta di una madonnina, chi quella di padre Gioacchino. Altri,  i cartelli che invitano a mantenere il luogo pulito e rispettarlo. Le due statue sacre poste all’ interno di quella che adesso si può chiamare una aiuola in prossimità delle due panchine volevano essere un punto all’interno di quell’area dove gli anziani copiosamente presenti alla zona artigianale, per fare una passeggiata o la fisioterapia, potevano riposare e recitare un  rosario o  una preghiera.  Se non fosse che ieri ci siamo visti arrivare una pattuglia dei vigili urbani con un auto lercia, con le gomme lisce , il parafango spaccato, insomma da sequestrare, che ci hanno voluto identificare come dei pregiudicati trovati fuori casa mentre durante i domiciliari. Gli era arrivato quest’ordine , Don Rodrigo in salsa Canicattinese aveva decretato che quelle panchine e quelle statuine “non sanno da tenere li”. E mentre da tempo gridiamo la presenza delle forze dell’ordine in quella zona per dissuadere i vandali ad operare o a girare con i motorini dentro il circuito mettendo a repentaglio la sicurezza di grandi e piccini, ci hanno mandato le forze dell’ordine, ma per identificare noi. Abbiamo registrato tutto, compresa la nostra rabbia. Questo pezzo ha solo una finalità di  informare la comunità che a Canicattì è vietato essere persona per bene….. speriamo che si sarà sempre di più a non rispettare questo divieto.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



3 Risposte per “Canicattì: vietato essere persona per bene !!!”

  1. Cittadino indignato ha detto:

    Vergogna! Una città violentata da illegalità e abusi di ogni genere, con la complicità di chi dovrebbe reprimere anziché incentivare tali abusi. Si manda una pattuglia di vigili per intimidire mafiosamente, dei cittadini quantomeno encomiabili. Abberrante.

  2. LIBERO ha detto:

    ABBIAMO VISTO QUELLO CHE E’ SUCCESSO IERI A CANICATTI PER DEI LAVORI DI RISANAMENTO AMBIENTALI E DI DECORO NELLA ZONA ARTIGIANALE ,ED ESPRIMIAMO IL NOSTRO BIASIMO DI SI TANTO BRUTTO COMPORTAMENTO DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE NEI RIGUARDI A DEGLI ONESTI VOLONTARI CHE SENZA NULLA CHIEDERE E PRETENDERE SI SONO MACCHIATI DI VOLERE RENDERE PULITA E ACCOGLIENTE UNA ZONA DELLA LORO CITTA’.IN TANTE ALTRE PARTI D’ITALIA I VOLONTARI SONO APPREZZATI E RINGRAZIATI PER QUELLO CHE FANNO PER RENDERE VIVIBILE E DECOROSE CERTE ZONE CHE DOVREBBERO ESSERE MANTENUTE BENE DALL’AMMININISTRAZIONE GRAZIE A QUESTE PERSONE CHE DANNO ONORE A TUTTI NOI

  3. Massimo ha detto:

    Ma come… questa Amministrazione è riuscita a risolvere il problema della crisi idrica pompando acque di sorgiva nelle condotte, risolto il problema dei cani randagi con un canile abusivo, combattere il problema dei rifiuti con i roghi notturni e trasformato il foro boario in discarica per poi abbandonarlo, bleffato sui numeri del covid prendendosi cazziate dall asp per evitare zona rossa a discapito dei morti di covid… ma tanto erano ormai morti… e abbiamo il coraggio di lamentarci… mah

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata