Notizie | Commenti | E-mail / 12:32
                    








Minaccia di morte la moglie, scatta codice rosso e il marito violento viene arrestato

Scritto da il 7 aprile 2021, alle 14:35 | archiviato in Agrigento, Costume e società, Cronaca. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

“Venite, vi prego, mi vuole buttare fuori da casa con mio figlio, aiutatemi!” Sono state queste le parole che hanno fatto scattare l’ennesimo codice rosso, quando una telefonata da Santa Elisabetta, (AG) è giunta al 112: dall’altra parte del telefono una donna terrorizzata stava rompendo il muro del silenzio, bisbigliando all’operatore della Centrale della Compagnia dei Carabinieri di Canicattì le minacce patite a opera del convivente violento, fermamente intenzionato a lasciarla in strada insieme al figlio piccolo.
Minacce di morte alla moglie
Il Carabiniere all’ascolto, capita l’urgenza, ha ben interpretato la richiesta di aiuto contenuta in quelle mezze frasi, ha tranquillizzato la vittima ed ha immediatamente allertato il Comandante della Stazione di Santa Elisabetta che, con i suoi uomini, ha raggiunto in pochi minuti l’indirizzo. Qui G.B., pregiudicato di 48 anni, nonostante la presenza dei militari, ha continuato a inveire contro la convivente, minacciandola apertamente di morte.
Scatta l’arresto per maltrattamenti
L’uomo, in stato di agitazione, si è perfino scagliato contro i Carabinieri, tanto che per contenerlo è stato necessario ricorrere all’ausilio della pattuglia giunta da Sant’Angelo Muxaro. Tratto in arresto perché responsabile di maltrattamenti in famiglia e violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale, G.B. è stato rinchiuso nel carcere di Agrigento, così come disposto dal Pubblico Ministero di turno presso la Procura della Repubblica del capoluogo, mentre i Carabinieri feriti hanno fatto ricorso alle cure dei sanitari dell’Ospedale di Canicattì insieme alla vittima, che già in passato aveva denunciato il convivente e sulla quale sono evidenti i segni delle violenze subite in casa.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata