Notizie | Commenti | E-mail / 03:29
                    








Recovery Fund, occupato il Consiglio Comunale di Naro contro dimezzamento fondi per il sud

Scritto da il 22 aprile 2021, alle 07:26 | archiviato in IN EVIDENZA, Photo Gallery, Politica, Politica Naro, politica sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

“I fondi del Recovery Fund destinati al meridione del Paese (pari al 68%) sono stati decurtati fino a divenire il 40%, con il beneplacito dell’ANCI.

Noi Sindaci, amministratori in prima acie, vicini ai bisogni e alle esigenze dei nostri concittadini, abbiamo poco tempo per impedire che ciò accada e per questo motivo abbiamo sentito il bisogno di agire a partire da oggi  (ieri ndr), occupando, dalle ore 17.00, le Aule Consiliari dei nostri Comuni fino alle ore 17.00 di Giovedì 22 Aprile, orario in cui, in contemporanea e in diretta Facebook, spiegheremo le ragioni della manifestazione ai nostri concittadini.

Lo ha dichiarato il Sindaco di Naro Maria Grazia Brandara

I SINDACI DEL SUD ONORERANNO IL 25 APRILE A NAPOLI PER AFFERMARE IL VALORE DELLA COESIONE NAZIONALE E DELLA EQUA DISTRIBUZIONE DELLE RISORSE

Una delegazione dei cinquecento sindaci del Sud che hanno deciso di aderire alla Rete “Recovery Sud”, sarà a Napoli il 25 aprile per onorare il 76esimo anniversario della Liberazione. La loro presenza nella città simbolo del Mezzogiorno è motivata dalla necessità di rappresentare il disagio degli amministratori per le modalità poco chiare e non abbastanza condivise con le quali si rischia di determinare l’assegnazione delle risorse del Recovery Plan. Nei giorni scorsi, infatti, i primi cittadini si sono rivolti a tutti gli interlocutori istituzionali possibili per segnlare il pericolo che la distribuzione dei finanziamenti del Next Generation Eu non rispecchiassero i criteri stabiliti dall’Unione Europea, che prevedevano di stanziare i finanziamenti non solo in rapporto alla popolazione ma anche in ragione del tasso di disoccupazione e dell’inverso del Pil procapite.
Come recentemente ha ammesso lo stesso ministro del Sud Mara Carfagna, se si fossero seguiti questi criteri, all’Italia meridionale si sarebbe dovuto attribuire più del 60 per cento delle risorse. Tuttavia, la quota attualmente stabilita si è attestata al 40%.
Una ripartizione iniqua che si aggiunge ad altre disparità più volte denunciate negli ultimi anni – come la mancata perequazione del fondo di solidarietà comunale e la non approvazione dei livelli essenziali delle prestazioni – e che rischia di far perdere al Sud l’ultimo treno per superare lo storico gap con il resto d’Italia. In questi mesi i sindaci di Recovery Sud hanno avviato una ricognizione delle necessità manifestate dai territori, a cominciare dalle infrastrutture assolutamente carenti e dal diffuso basso livello di erogazione dei servizi sociali. Ma è emerso anche lo spaccato di un’Italia che pullula di progetti e buone prassi, germogli che, se adeguatamente coltivati, potrebbero determinare la rinascita del Mezzogiorno, trainando il resto della Nazione.
Per affermare dunque la necessità della coesione in un giorno nel quale si ricorda l’Italia nata dalle ceneri del nazifascismo, domenica prossima, alle 12 in piazza Plebiscito, i sindaci di tutto il Meridione – in delegazione per non dar luogo ad assembramenti – si uniranno a Luigi De Magistris nel celebrare il 25 Aprile e consegneranno al Prefetto di Napoli un documento con le proposte dei sindaci da inoltrare al Presidente del Consiglio Mario Draghi, affinché rimoduli il piano destinando al Mezzogiorno le risorse necessarie a eliminare, in via definitiva, il divario storico dal resto del Paese, affrancandosi una volta per tutte dal novero delle aree più povere d’Europa.

 



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata