Notizie | Commenti | E-mail / 03:08
                    








Oltre 2mila tumori da amianto in Sicilia, ma la regione non ha ancora un piano di bonifica

Scritto da il 4 maggio 2021, alle 06:30 | archiviato in Cronaca, cronaca sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

In Sicilia dopo 6 mesi dalla definizione della procedura di VAS, il Piano regionale Amianto non è stato ancora adottato da parte del Presidente della Regione. Lo denuncia Legambiente che pone l’accento su un’altra emergenza sanitaria e ambientale che miete ogni anno migliaia di vittime in Italia e in Europa e sono circa 2.000 i mesoteliomi diagnosticati in Sicilia negli ultimi vent’anni. “È urgente adottare il Piano e provvedere al censimento, rimozione e bonifica dell’amianto presente nell’isola”, dice l’associazione ambientalista.
“Avremmo voluto celebrare la giornata mondiale vittime dell’amianto – dichiara Tommaso Castronovo, responsabile rifiuti ed economia circolare di Legambiente Sicilia – potendo dire che la Regione Siciliana aveva finalmente un Piano Regionale Amianto ma, inspiegabilmente, sono passati 6 mesi dalla definizione della procedura della VAS e dal decreto dell’Assessore all’Ambiente che ha espresso parere favorevole, recependo le osservazioni presentate dalla nostra associazione e quelle dell’ARPA. La realtà è, invece, che ancora il Piano non è stato adottato dal Presidente della Regione”.
Fermi i provvedimenti per la bonifica
Senza questo passaggio formale e sostanziale gli strumenti previsti dal Piano – la pianificazione delle celle dedicate e degli impianti, censimento e mappatura dei siti contenti MCA, formazione e informazione sui rischi derivanti dall’esposizione alla fibra killer, incentivi per la rimozione e smaltimento a tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente – rimangono solo un esercizio di stile. Eppure l’amianto rimane un’emergenza ambientale e sanitaria di primissimo rilievo, come testimoniano le denunce sui diffusi abbandoni di materiali in cemento amianto nelle campagne e, soprattutto, il numero sempre crescente di mesoteliomi contratti negli ultimi anni dalle persone.
Legambiente mostra dati allarmanti
In Sicilia solo 101 Comuni hanno presentato un piano comunale e, di questi, solo una trentina sono redatti secondo i criteri previsti;solo 13.252 edifici residenziali e 632 scuole pubbliche sono stati censiti con presenza di cemento amianto; rimosse solo 22.000 tonnellate di cemento amianto. Eppure si stima che in Sicilia ci siano oltre 1 milione di mc di MCA e, procedendo agli attuali ritmi di smaltimento e bonifica, ci vorranno 50 anni per rimuovere tutto l’amianto presente.  “Siamo molto preoccupati di fronte all’inerzia del Presidente della Regione – conclude Gianfranco Zanna Presidente di Legambiente Sicilia – che conferma ancora una volta, al di là dei roboanti annunci, che la tutela della salute pubblica e dell’ambiente non è stata e non è una priorità per questo governo regionale”.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata