Notizie | Commenti | E-mail / 13:41
                    








Canicattì: anche l’inchiesta giornalistica sui pozzi di Contrada Gulfi è stata spedita in Procura

Scritto da il 25 giugno 2021, alle 08:39 | archiviato in #Esclusiva, Canicattì, Cronaca. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Quel giorno non lo dimenticherò facilmente . Era il 31 gennaio del 2018, arrivai trafelato nella sala dove la commissione territorio e ambiente dell’ ARS presieduta dall’On Giusy Savarino mi stava aspettando per relazionare sul caso dei pozzi di contrada Gulfi e dintorni. Non feci in tempo a riprendere fiato prima di prendere la parola. Raccontai mesi di lavoro giornalistico fatto di video, foto, documenti e tutto ciò che potesse dimostrare cosa stava accadendo alle spalle della comunità canicattinese.
Lo feci con dovizia di dettagli dinnanzi a deputati, tecnici di Girgenti acque, esperti della materia, e rappresentanti istituzionali del nostro comune.

Credo nessuno di loro a parte qualcuno e la Presidente Savarino erano felici di sentire la mia relazione. Lo scontro fu duro e ricordo l’intervento barbino , al limite del patetico da parte di chi avrebbe dovuto difendete la nostra comunità, mentre uno dei vertici della società oggi protagonista della cronaca siciliana, prendendosi gioco di me e storpiandomi il cognome, tentava di sminuire la mia dettagliata relazione dicendo che “ il racconto non lo eccitava, perché non vi erano terremoti, né alluvioni, né sangue”.

Quel giorno non si stava discutendo solamente questo ma anche qualcosa di più. Un affare da 107 milioni di euro che la Presidente Savarino con grande coraggio e determinazione mandò tutti gli atti alla procura , insieme anche alla nostra inchiesta giornalistica. Oggi leggo con grande soddisfazione un pezzo sulla testata LIVESICILIA che riporta questo:

Alla Commissione, attraverso i loro rappresentanti, i cittadini fecero arrivare le proprie proteste e le proprie preoccupazioni per “la scarsa qualità dell’acqua”, “a volte visibilmente gialla, altre volte maleodorante, che ha spesso comportato la interruzione dell’erogazione in interi quartieri, da parte dello stesso ente gestore”.

Nel corso delle varie audizioni, la Commissione Ambiente dell’Ars appurò che Girgenti Acque “per prassi consolidata”, chiedeva ai Comuni una generica autorizzazione ad accedere ad alcuni pozzi non consegnati, con l’impegno che, una volta verificata la potabilità, i cittadini di quei comuni potrebbero ricevere un beneficio in termini economici dall’immissione in rete di quelle acque.

Da inchieste giornalistiche agli atti della Commissione, sembrerebbe che in taluni casi le acque siano state immesse in rete, senza comunicazione preventiva e senza certezza della qualità”. I dubbi sarebbero poi stati confermati dai rappresentanti dell’Arpa, più volte chiamati dalle forze dell’ordine, a seguito di segnalazioni, a fare controlli sulla qualità delle acque dei pozzi.

 “Appurato tutto ciò, tutti gli atti in possesso della Commissione Ars su Girgenti Acque, compresa l’inchiesta giornalistica citata, furono allegati alla risoluzione e spediti in Procura”, ribadisce Savarino. Procura che oggi ha aperto un nuovo filone di inchiesta su Girgenti Acque.

Fin qui livesicilia.

Quell’inchiesta sui pozzi l’avevamo portata noi , avevamo squarciato il silenzio complice di taluni che addirittura erano soliti tentare di ridicolizzare il lavoro fatto . Come ho detto in precedenza, bisogna avere fiducia nella giustizia, lenta sì, ma altrettanto efficace.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



6 Risposte per “Canicattì: anche l’inchiesta giornalistica sui pozzi di Contrada Gulfi è stata spedita in Procura”

  1. Diego ha detto:

    Non ultimo né meno importante, la sistematica vessazione degli utenti di girgenti acque. Avete mai provato a chiedere un’autorizzazione allo scarico, un nuovo allaccio o una voltura di utenza? Dietro queste vessazioni la colpevole indifferenza, se non connivenza degli amministratori locali.

  2. Lo Curto Giuseppe ha detto:

    E che problema c’è ?
    A Campobello di Licata, esistono pozzi privati ad uso commerciale.
    Girgenti Acque, chiudi i rubinetti !

  3. Lo Curto Giuseppe ha detto:

    E non siano neanche in qualche angolo sperduto di campagna. Ma siamo in centro abitato. Periferia. Ma sempre centro abitato è !

  4. Lo Curto Giuseppe ha detto:

    Canicatti Web.
    L’ oggetto sono i pozzi !
    Ma a Campobello di Licata, c’è uno scandalo da 40 anni. Che non riguarda solo qualche pozzo privato ad uso commerciale !
    A Campobello di Licata.
    Il Pozzo privato ad uso commerciale, nasce in conseguenza di questo scandalo !

  5. Lo Curto Giuseppe ha detto:

    Campobello di Licata.
    Tratto da un Atto Notarile del 1980.
    L’acquirente si obbliga per sé o suoi aventi causa a qualsiasi titolo di rispettare la servitù di acquedotto in atto esistente a confine con l’area annessa alle case popolari con il quale il lotto venduto confina !

  6. Lo Curto Giuseppe ha detto:

    Canicatti Web.
    Eppur qualcosa si muove. Forse !

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata