Notizie | Commenti | E-mail / 13:29
                    








Truffano agente assicuratrice con bonifico falso, 5 indagati

Scritto da il 22 luglio 2021, alle 06:48 | archiviato in Costume e società, Cronaca, cronaca sicilia, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

I Carabinieri della Stazione di Bronte hanno notificato un avviso di conclusione delle indagini preliminari nei confronti di due donne, di 32 e 35 anni, nonché di tre uomini di 58, 63 e 72 anni, tutti di Palermo, ritenuti responsabili di truffa aggravata.
La vicenda si è svolta a Bronte ed ha visto protagonista suo malgrado una subagente per conto di una nota compagnia assicuratrice, la quale era stata contattata telefonicamente da un sedicente acquirente, unitamente al cognato, di due autovetture per le quali entrambi avrebbero dovuto stipulare il relativo contratto assicurativo, in particolare una Lancia Libra ed una Lancia Y.
Immediatamente attivatasi, dopo aver ricevuto la necessaria documentazione, l’impiegata ha fornito i due preventivi che complessivamente ammontavano ad €. 1.740,00, proposta che veniva accettata ancora telefonicamente dal fantomatico cliente che, inoltre, ha chiesto all’ignara interlocutrice il codice IBAN sul quale avrebbe dovuto versare la somma per il rilascio dei contrassegni assicurativi.

Il falso bonifico
Tutta l’operazione aveva avuto successo nel giro di qualche ora, tant’è vero che, tramite messaggistica WhatsApp, il “cliente” aveva trasmesso alla donna la copia del bonifico effettuato chiedendole, però, di emettere i relativi contratti perché il venditore aveva la necessità di spostare le macchine dal padiglione espositivo per metterle su strada.
Purtroppo la disponibilità della subagente ha avuto il sopravvento infatti, anticipando dalla propria tasca la somma, quest’ultima, per favorire il “cliente telefonico”, ha emesso i relativi contrassegni e contratti.
Inutile dire che la fiduciosa impiegata non ha più visto il becco d’un quattrino perché la sua compagnia assicuratrice non aveva ricevuto nulla, scoprendo così che quella copia di bonifico era solo un falso ben disegnato.
I contratti assicurativi e la truffa, c’erano dei precedenti
La relativa denuncia sporta ai militari, con le successive attività d’indagine, hanno permesso di acclarare che l’intestataria dell’utenza con la quale il “cliente” aveva intrattenuto le conversazioni telefoniche con la subagente, risultava essere una signora di Palermo.
Quest’ultima, tra l’altro, era già stata penalmente coinvolta in analoghi ulteriori episodi a danno di ignare vittime, mentre il cognato acquirente dell’autovettura era anch’egli stato coinvolto nella medesima attività investigativa coordinata dalla Procura palermitana nei confronti di un’associazione criminale, promossa da 3 persone e che, fino a quel momento, aveva censito ben 71 persone che utilizzavano contratti assicurativi fraudolentemente acquisiti con le medesime modalità descritte in denuncia dalla vittima brontese.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata