Notizie | Commenti | E-mail / 21:28
                    








Canicattì, trasforma pubblica via in locale all’aperto: una denuncia

Scritto da il 8 settembre 2021, alle 09:36 | archiviato in Canicattì, Cronaca. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

I Carabinieri della Stazione di Canicattì hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Agrigento il titolare di un locale del centro città che ha trasformato la strada dove ha sede l’attività commerciale in un unico grande locale notturno.

Durante l’ultimo fine settimana, il primo in zona gialla per la Sicilia, i militari hanno intensificato il controllo sulla cosiddetta movida canicattinese: hanno così constatato come una notissima enoteca nella centralissima via Guerrazzi aveva riempito con tavoli e sedie l’intera strada, lasciando praticamente lo spazio per il passaggio di un solo pedone. La circostanza, tenuto conto delle restrizioni da zona gialla, ha indotto i Carabinieri ad approfondire le autorizzazioni possedute dall’enoteca, il cui titolare era già stato denunciato alla fine di luglio per lo svolgimento non autorizzato di uno spettacolo con deejay per strada.

Le immagini ampiamente diffuse sui social da questo locale (alla fine di luglio era circolato un video, poi rimosso, che pubblicizzava la via Guerrazzi come una discoteca all’aperto, con centinaia di persone che ballavano nel cuore della notte) e la verifica presso gli uffici competenti, hanno permesso di accertare come il locale in questione abbia abusivamente occupato il suolo pubblico.

Nell’ambito dei medesimi controlli, sempre durante lo scorso fine settimana, i Carabinieri della Stazione di Canicattì hanno contestato ad un’altra nota enoteca cittadina, sita in Largo Aosta, la violazione delle norme in materia di covid.

I militari, in questo caso, hanno constatato come il locale facesse ristorazione con un buffet, intorno al quale i Carabinieri, al loro arrivo, hanno trovato numerosi avventori.

Al titolare dell’esercizio è stata comminata la sanzione di euro 400, mentre la Prefettura di Agrigento è stata interessata per la valutazione dell’eventuale chiusura.

 



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



2 Risposte per “Canicattì, trasforma pubblica via in locale all’aperto: una denuncia”

  1. Hiram ha detto:

    Encomiabile lavoro da parte delle forze dell’ordine.
    I controlli, dovranno essere estesi ad altri locali pubblici nelle vie del centro ed in particolare, in quei luoghi dove le norme anti contagio non vengono rispettate (bar, pizzerie, enoteche, ecc.).

    Attenzione massima dalla Prefettura di Agrigento nella persona di sua Eccellenza il Prefetto Maria Rita Cocciufa, a cui vanno i ringraziamenti per il lavoro portato avanti in questi mesi, e per aver predisposto controlli indicanti la presenza dello Stato al fianco dei Cittadini.

  2. Cittadino ha detto:

    @Hiram E se alle FF. OO. che effettuano controlli rimanesse del tempo facciano una puntatina a Campobello

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata