Notizie | Commenti | E-mail / 10:58
                    








Zone franche montane al palo, appello dei sindaci a Musumeci e deputati eletti in Sicilia

Scritto da il 15 settembre 2021, alle 06:08 | archiviato in Politica, politica sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Necessità e l’urgenza d’incontrare la deputazione nazionale eletta in Sicilia e il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, impegnato nella trattativa con lo Stato per la definizione degli accordi con la Regione, anche in materia finanziaria. E’ quanto auspica il gruppo operativo dei sindaci e dell’associazione zone franche montane Sicilia che domenica scorsa si sono dati appuntamento presso l’Aula consiliare del Comune di Petralia Sottana. Tra le richieste, perimetrare con apposita delibera di Giunta regionale, le zfm siciliane che secondo l’assessore Mimmo Turano dovrebbe essere definito giovedì prossimo. La notizia dell’adozione della proposta dell’Assessore alle Attività produttive è stata confermata anche dal presidente Musumeci.

Una domenica mattina dedicata a fare il punto sul percorso istitutivo delle zone franche montane in Sicilia, nel corso della quale sono emerse le criticità e i ritardi rispetto alla celere definizione dell’iter, che sta segnando il passo presso la Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica. La Commissione, presieduta dal senatore abruzzese Luciano D’Alfonso, è in attesa del parere della Commissione Bilancio di Palazzo Madama, la quale attende, per il rilascio del via libera ai colleghi della “Finanze e Tesoro”, da parte della Ragioneria generale dello Stato, indicazioni sulla copertura finanziaria certa. I tecnici della Ragioneria hanno già redatto una relazione e hanno stimato che “complessivamente, nel caso in cui la norma si applicasse a tutti i 132 comuni, si determinerebbero minori entrate pari a 145,5 mln € su base annua”.
36176 imprese in attesa

Le minori entrate si riferiscono all’IRPEF, IMU e IRAP e sarebbero interessate, secondo i dati riportati nella relazione, 36176 imprese attive, nessun riferimento a nuovi investimenti, quindi alla possibilità di creare nuovi posti di lavoro. Nella relazione si fa riferimento anche alla possibilità di utilizzare strumenti europei “in materia di aiuti di importanza minore, c.d. de minimis”. “Non siamo interessati ad “aiuti d’importanza minore – fanno sapere dal Comitato – Il Parlamento regionale ha approvato la Legge e un Ordine del Giorno che impegna il Governo regionale a pattuire con lo Stato di destinare il cespite tributario dell’Iva all’importazione alla copertura strutturale della norma di politica economica», affermano dal Comitato regionale. “Formalmente – chiosano – dall’ARS, al momento, non possiamo aspettarci altro, la palla è passata al Governo regionale, che dovrà giocarla a Roma”.
L’incontro nel Catanese

“Lunedì prossimo, a Linguaglossa è previsto un briefing – concludono i rappresentanti del Comitato – con i deputati nazionali eletti in Sicilia e il presidente Musumeci. Occorre un confronto sereno, non possiamo permetterci di perdere un solo giorno. Gli operatori economici, rappresentati dai rispettivi amministratori comunali hanno bisogno di conoscere le prospettive del loro futuro e, soprattutto, chi avranno accanto in questa storica battaglia di civiltà”.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata