Notizie | Commenti | E-mail / 16:48
                    










Contributi per la demolizione degli abusi edilizi, Legambiente “Opportunità per i Comuni”

Scritto da il 13 ottobre 2021, alle 06:02 | archiviato in Politica, politica sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Via ai contributi per la demolizione degli abusi edilizi. Il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili ha emanato un avviso per i Comuni, che possono presentare l’istanza attraverso la compilazione del modulo online che disponibile alla pagina web https://fondodemolizioni.mit.gov.it fino alle ore 12:00 del 13 ottobre 2021, il cui fac-simile è disponibile al medesimo indirizzo web https://fondodemolizioni.mit.gov.it/docs/facsimile.pdf.
“Un’opportunità – dichiara Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia, che i sindaci devono cogliere al volo. In molti, infatti, lamentano la mancanza di fondi per operare le demolizioni. Adesso, lo Stato mette a disposizione dei fondi, eliminando ogni alibi all’eliminazione delle brutture che deturpano il nostro territorio e per ripristinare la legalità”.

 

La norma
“I contributi riguardano interventi ancora da eseguire e sono concessi a copertura del 50% del costo degli interventi di rimozione o di demolizione delle opere o degli immobili realizzati in assenza o totale difformità dal permesso di costruire di cui all’art. 31 del D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380, per i quali è stato adottato un provvedimento definitivo di rimozione o di demolizione non eseguito nei termini stabiliti. Sono incluse le spese tecniche e amministrative, nonché quelle connesse alla rimozione, trasferimento e smaltimento dei rifiuti derivanti dalle demolizioni. Ai sensi del Decreto interministeriale n. 254 del 23/06/2020, in caso di insufficienza di fondi, l’ordine cronologico di presentazione delle istanze è rilevante ai fini dell’ammissione al finanziamento”.

La Sicilia tra le regioni “più abusive”
Su scala provinciale, nelle regioni più “abusive” i risultati migliori sono quelli dei comuni delle province di Palermo (34,6%) e Agrigento (33,5%). In fondo alla classifica da segnalare, invece, quella di Siracusa, con solo 2 ordinanze eseguite su 470 (appena lo 0,4%). Sono alcuni dei dati dell’ultimo dossier “Abbatti l’abuso” di Legambiente.
Per quanto riguarda le demolizioni: “In fondo alla classifica, si piazza la Puglia con un misero 4%, preceduta dalla Calabria (11,2%), dalla Campania (19,6%), dalla Sicilia (20,9%) e dal Lazio (22,6%)”.

Cdm impugna sanatoria Ars
Pochi giorni fa, lo scorso 24 settembre, il Consiglio dei Ministri ha impugnato la sanatoria votata dall’Ars sugli abusi compiuti nelle aree sottoposte a vincolo relativo. “Un’altra, l’ennesima sberla al Parlamento siciliano. Il tempo delle sanatorie è finito e bisogna tutelare il paesaggio. Adesso l’assessore Cordaro si impegni a ripristinare la legalità”, affermava Zanna, “Ennesima brutta figura del più antico parlamento d’Europa”.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata