Notizie | Commenti | E-mail / 17:17
                    










“Illegittimo e anticostituzionale”, studenti Unipa contro obbligo green pass

Scritto da il 13 ottobre 2021, alle 07:04 | archiviato in Cronaca, cronaca sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

“Tra le varie risposte” date all’emergenza Covid “vi è una, falsamente libera nella sua forma, autoritaria e ricattatoria nella sua sostanza, che il Governo italiano sta imponendo ai suoi cittadini”. È l’affondo degli studenti dell’Università di Palermo, contro l’obbligo del green pass anche per partecipare alle lezioni dell’ateneo.

Green pass “discriminante e illegittimo”
Una certificazione verde definita – nella lunga lettera indirizzata al rettore Fabrizio Micari, al Senato accademico, ai professori e  tutti gli studenti – “discriminante” e che, “oltretutto, viene richiesta ora anche ai lavoratori, tutti, di settori pubblici quanto privati: categorie, anche queste, colpite come noi e a cui va la nostra solidarietà e vicinanza”.

 

“Il Green Pass per l’accesso all’istruzione in presenza è dunque una violazione del diritto allo studio del singolo, subdolamente costretto alla vaccinazione, senza alcun riguardo verso il suo diritto (sancito an-che dal consiglio d’Europa e da regolamento UE sul Certificato COVID-19) di consenso libero ed informato a un trattamento sanitario. Riteniamo ciò, sia dal punto di vista giuridico che soprattutto etico, illegittimo e scorretto”.

La lettera
“Scriviamo questa lettera indirizzata sia all’intera comunità che vive quotidianamente l’Ateneo sia a tutte le categorie sensibili alla nostra causa – scrivono – nell’intento di ristabilire un dialogo che permetta un dibattito sano e costruttivo riguardo il disagio che in queste ultime settimane interessa noi studenti da molto vicino”.

 
Leggi Anche:
Concorsi e assunzioni truccate, terremoto all’Unipa, tremano altri prof
“Col DL n. 111 del 6 agosto 2021, nel periodo che intercorre tra il 1° settembre 2021 ed il 31 dicembre 2021, a tutto il personale scolastico del sistema di istruzione, compreso quello universitario, nonché a tutti noi studenti e studentesse dell’Università viene richiesto il possesso e l’esibizione della certificazione verde COVID-19 (altrimenti detta “Green Pass”): certificazione, questa, necessaria per poter accedere non solo a qualsiasi luogo dell’Ateneo, bensì anche all’erogazione ed alla fruizione, in presenza, del servizio di istruzione spettante di diritto”.

“Subdolo obbligo alla vaccinazione”
“Questa situazione – è uno dei passaggi della lettera – si ripercuote ovviamente in maniera discriminante nel diritto alla libera scelta dal punto di vista sanitario della persona, soprattutto verso i meno abbienti il cui diritto allo studio dovrebbe essere garantito e tutelato dall’art. 34 della Costituzione. Il Green Pass per l’accesso all’istruzione in presenza è dunque una violazione del diritto allo studio del singolo, subdolamente costretto alla vaccinazione, senza alcun riguardo verso il suo diritto (sancito an-che dal consiglio d’Europa e da regolamento UE sul Certificato COVID-19) di consenso libero ed informato a un trattamento sanitario. Riteniamo ciò, sia dal punto di vista giuridico che soprattutto etico, illegittimo e scorretto”. La disciplina che regola il green pass, per loro, “si mostra in palese contrasto con molteplici disposizioni sovraordinate, di rango costituzionale, europeo e internazionale“.

“DAD non all’altezza”
“Il green pass viola anche l’art. 34 della Costituzione e l’art. 14 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea nei riguardi degli studenti universitari, ai quali è impedito di accedere ai locali delle università qualora ne siano sprovvisti, costringendo pertanto gli studenti non vaccinati a sostenere costi eccessivi e nella maggior parte dei casi insostenibili o in alternativa a ricorrere alla didattica a distanza, mezzo che non è assolutamente all’altezza della didattica in presenza che è invece garantita agli studenti vaccinati, pur potendo questi ultimi contagiare allo stesso modo dei non vaccinati e nonostante entrambi paghino le medesime tasse universitarie, ricevendo un servizio nettamente diverso”.
E dopo aver passato in rassegna alcuni dati sui vaccini e gli eventi avversi, nonché alcuni articoli dell’EMA, gli studenti concludono chiedendo un intervento del Rettore Micari: “Avanziamo la nostra proposta di dialogo franco e diretto, rendendoci disponibili anche ad un incontro”.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata