Notizie | Commenti | E-mail / 04:24
                    








L’ultima truffa on line colpisce il colosso Google, tante denunce presentate anche in Sicilia

Scritto da il 23 ottobre 2021, alle 11:20 | archiviato in Costume e società, Cronaca, cronaca sicilia, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

L’ultima truffa on line sta facendo tante vittime tra quanti hanno una carta di credito collegata a Google Play per il pagamento di servizi.

Senza tanti complimenti vengono eseguiti tanti piccoli prelievi di quattro o cinque euro con tanto di commissione di 0,05 centesimi o 0,10 centesimi per le transazioni internazionali. I prelievi avvengono a ripetizione cinque o sei in alcuni giorni di ottobre.

Piccole somme che non destano allarme nei clienti delle carte di credito e che spesso sfuggono, ma che rischiano con il passare del tempo di svuotare i conti.

E’ quanto sta accertando in questi giorni sia la polizia postale di Palermo che gli uffici postali del capoluogo che si vedono presentare richieste per bloccare carte e richiedere rimborsi per acquisti e transazioni mai eseguiti.

Non è chiaro come sia possibile che i prelievi vengano eseguiti. Se i dati siano stati hackerati direttamente alla società statunitense che offre servizi on line o che sia qualche app installata nel telefono che attraverso alcune autorizzazioni date dai possessori degli smartphone riesca ad attivare abbonamenti mai sottoscritti.

Sta di fatto che tutti i pagamenti sospetti vengono indirizzati verso Google Play, il market android di Google dove gli utenti trovano e scaricano le app. Un vero caso che non riguarderà soltanto gli utenti palermitani, ma sarà certamente diffuso. Solo oggi alla polizia postale di Palermo sono stati circa una decina le denunce presentate.

Ma in questi giorni i casi sono già stati numerosi come confermano negli uffici postali. Per bloccare la truffa bisogna prelevare i soldi presenti, bloccare la carta, presentare una denuncia alle forze dell’ordine e poi compilare un modulo per richiedere il rimborso alle banche o agli uffici postali.

Nel modulo si devono segnare tutti quei pagamenti sospetti che non sono stati effettuati, ma che sono frutto della truffa.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata