Notizie | Commenti | E-mail / 04:57
                    








Ucciso durante rivolta a Naro: il ricordo del Tenente Di Dino

Scritto da il 14 gennaio 2022, alle 13:17 | archiviato in Canicattì, Cronaca, Naro. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Nella Chiesa di San Diego a Canicattì è in corso la santa messa per ricordare il Tenente dei Carabinieri Antonino Di Dino, Medaglia di Bronzo al Valor Militare “alla memoria”, deceduto il 12 gennaio 1945 a Naro, in occasione di una ribellione armata organizzata dal sedicente Movimento per l’indipendenza della Sicilia contro la chiamata alle armi.

Nel pieno rispetto delle Norme Covid, alla celebrazione hanno preso parte i vertici delle Forze dell’Ordine provinciali, il sindaco di Canicattì Vincenzo Corbo, altre autorità locali, civili e militari, nonché una rappresentanza dell’Associazione nazionale carabinieri in congedo.

Il fatto storico riporta che l’11 gennaio 1945 i rivoltosi, armati di fucili, bombe a mano e mitragliatrici, assaltarono la locale Stazione dei Carabinieri Reali sequestrando i 9 militari presenti, occupando altresì il Municipio dopo aver incendiato la locale Pretura e l’Ufficio delle Imposte. Per l’intera notte tra l’11 e il 12 gennaio vi furono vani tentativi, da parte dei Carabinieri giunti da tutta la Sicilia, di forzare l’assedio della cittadina di Naro, in quanto trovarono forte opposizione armata senza riuscire a far breccia nell’organizzata resistenza dei rivoltosi.

Durante la stessa notte, al Sottotenente Antonino Di Dino, Comandante della Tenenza dei Carabinieri Reali di Canicattì, fu ordinato di trasferirsi a Naro. Ivi giunto, l’Ufficiale decise di incontrare i rivoltosi, disarmato, nella speranza di poterli convincere a consegnare pacificamente le armi e scongiurare una schiacciante repressione da parte dello Stato che sarebbe potuta sfociare in una carneficina. Il Sottotenente Di Dino, quasi riuscito nell’intento, fu però – vigliaccamente – colpito al volto da un colpo di fucile mentre tentava di far ragionare i rivoltosi.

Per tali eventi all’Ufficiale, appena trentaquattrenne, fu tributata la Medaglia di Bronzo al Valor Militare “alla memoria”



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario





CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617
Direttore Cesare Sciabarra'
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata