“In Sicilia cresce l’emergenza abitativa. A causa della crisi energetica, infatti, i costi sono aumentati e sempre piu’ famiglie si ritrovano in forte difficolta’ nel pagamento del canone. A peggiorare la situazione, dopo la pandemia, anche la fine del blocco degli sfratti.

Si stima cosi’ che circa 50 mila nuclei familiari si trovano in forte stato di sofferenza, sotto sfratto per morosita’ incolpevole o in attesa dell’assegnazione di un alloggio. L’allarme e’ stato lanciato da Sunia, Sicet e Uniat e Cgil, Cisl e Uil Sicilia che, insieme alle segreterie nazionali, hanno avviato il percorso di mobilitazione.

Lunedi’ prossimo i sindacati alle 10 saranno davanti alla prefettura di Palermo per supportare la manifestazione nazionale del 22, a Roma, a cui partecipera’ anche la delegazione siciliana. Diecimila, secondo i sindacati, “sono gli invisibili senza fissa dimora. Un quadro drammatico a cui oggi e’ necessario dare subito risposte concrete. Per questo abbiamo chiesto l’intervento del governo regionale”. Nell’Isola le famiglie in affitto sono il 14% del totale. Almeno il 40% prevede di avere difficolta’ a rispettare il pagamento del canone di affitto. Emerge, invece, che il 24% (67 mila) negli ultimi 12 mesi ha accumulato ritardi nel pagamento dei canoni. L’affitto incide sul reddito familiare medio-basso tra il 35%e il 40%. Nel 2019 sono stati emessi 2.670 sfratti. 6.743 sono state le richieste di esecuzione e 1.492 gli sfratti eseguiti con l’intervento dell’ufficiale giudiziario. Nel 2020, nonostante il blocco, ne sono stati emessi 1.636. Oltre duemila sono state richieste di esecuzione. Oggi pero’ i numeri sono raddoppiati e sono circa 20mila le famiglie interessate da queste misure.

I sindacati degli inquilini, guidati rispettivamente da Giusy Milazzo, Santo Ferro e Giovanni Sardo con i segretari confederali Gabriella Messina, Rosanna Laplaca e Ignazio Baudo hanno chiesto al governo regionale di farsi parte attiva nei confronti del governo nazionale nel sostenere le proposte “per ottenere un rifinanziamento dei fondi per il sostegno all’affitto e per la morosita’ incolpevole; direttive chiare per rimuovere gli ostacoli per la redazione e l’attuazione di protocolli utili a scongiurare che le famiglie sotto sfratto per morosita’ incolpevole restino senza casa; l’incremento della detrazione sui canoni pagati dagli inquilini con redditi inferiori ai 30 mila euro; la regolamentazione delle locazioni brevi di tipo turistico; norme e incentivi fiscali per la rinegoziazione dei canoni di locazione; l’estensione a tutti i Comuni della possibilita’ di applicare i canoni concordati in regime agevolato e di ripensare l’applicazione del regime della cedolare secca ai canoni liberi”. “Il governo regionale, tutte le forze politiche, l’Anci – concludono i sindacati – devono ridefinire concordemente l’impianto normativo dell’edilizia residenziale, sostenere e sollecitare l’istituzione delle commissioni provinciali per la mediazione tra inquilini e proprietari tutelando cosi’ chi subisce uno sfratto per morosita’ incolpevole”.