Notizie | Commenti | E-mail / 10:51
                    








Licata, ferisce tre poliziotti dopo controllo: arrestato 33enne

Scritto da il 26 maggio 2022, alle 07:12 | archiviato in Cronaca, Licata. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

I poliziotti del commissariato di Licata hanno arrestato un 33enne del posto per i reati di lesioni, minacce e resistenza a pubblico ufficiale.

Gli agenti lo hanno fermato nei pressi di alcune abitazioni che poco prima erano state svaligiate. Una successiva perquisizione ha dato esito positivo con parte della refurtive ritrovata nella disponibilità del licatese.

Nel momento in cui erano in corso accertamenti il 33enne sarebbe andato in escandescenza aggredendo tre poliziotti. Questi ultimi hanno riportato ferite lievi ma è stato necessario un passaggio all’ospedale San Giacomo d’Altopasso. L’uomo, dopo le formalità di rito, è stato arrestato e posto ai domiciliari.

Solidarietà e sostegno agli uomini della Polizia di Stato del Commissariato di Licata giunge dal vicepresidente del Coordinamento regionale “Rete per la Legalità“, Eugenio Di Francesco, per la vile aggressione subita durante un controllo del territorio per contrastare i furti nelle campagne del territorio di Licata.

«La mancanza di rispetto verso chi rappresenta lo Stato, con atteggiamenti volti alla violenza fisica e verbale – afferma Di Francesco – evidenzia il crescere di una micro e macro criminalità che tende a destabilizzare la quiete di una comunità che ha voglia di riscatto e che non vuole scendere a patti con la politica del compromesso e del ricatto. Politica portata avanti da giovani e meno giovani che, con spavalderia, sfidano e offendono uomini e donne dello Stato che svolgono il proprio dovere di difendere la libertà e la giustizia di ogni cittadino».

Tutto questo accade a distanza di pochi giorni dalla manifestazione antimafia e racket svoltasi il 19 maggio scorso che ha visto la presenza di centinaia di studenti del Liceo Classico “Linares”.

«Giovani che hanno dimostrato maturità, senso di responsabilità e di rispetto verso chi ha immolato la propria vita per dare segnali di speranza. Per questo non si può assistere e tacere dinanzi a situazioni che offendono e denigrano il lavoro quotidiano delle nostre Forze di Polizia. Invito, quindi, la Città di Licata ad alzare la testa, a trovare la forza e il coraggio di denunciare».

Allo scopo di rendere più facile quest’ultimo compito, l’associazione Antiracket e Antiusura “Rete per la legalità” ha messo a disposizione una buca per le lettere anonime che possa invogliare a fare un passo per nulla semplice.

«Nel ricordare a tutti l’importanza di rimanere uniti – conclude il vicepresidente del Coordinamento regionale “Rete per la Legalità -, ribadisco la mia solidarietà e vicinanza alla Questura di Agrigento nella persona del Questore, la dott.ssa Maria Rosa Iraci, grazie alla quale il concetto di legalità profuma veramente di libertà».



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario





CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617
Direttore Cesare Sciabarra'
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata