Notizie | Commenti | E-mail / 13:45
                    








Palma di Montechiaro, benzina miscelata illegalmente: sequestrato impianto

Scritto da il 24 giugno 2022, alle 07:16 | archiviato in Cronaca, Palma di Montechiaro. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

La Guardia di Finanza di Catania ha eseguito un’operazione a contrasto delle frodi nel settore petrolifero in tutta la provincia di Catania, e anche nell’agrigentino, che ha consentito il sequestro di oltre 59 mila litri di carburante, di un impianto di distribuzione di carburanti clandestino, di n. 2 autocisterne e la denuncia di 3 soggetti all’Autorità giudiziaria. Sulla base della documentazione acquisita nel corso degli interventi in provincia di Catania, presso un impianto di distribuzione stradale di carburanti sito in Palma di Montechiaro (AG), al fine sequestrare il prodotto energetico illecitamente miscelato, scongiurandone la vendita al dettaglio. I sequestri operati sono stati convalidati dalla competente Autorità Giudiziaria.

Nel dettaglio, i controlli – svolti dal Nucleo PEF della Guardia di finanza di Catania, con il supporto dell’Agenzia delle Dogane – hanno riguardato l’intera filiera del trasporto, deposito e commercializzazione dei prodotti petroliferi.

Gli interventi hanno anche permesso di: individuare a Catania una vasta area destinata a depositi clandestini di carburante, nel cui complesso sono state sequestrate anche n. 2 cisterne e n. 2 serbatoi metallici, con gruppo erogatore e apparato conta litri; evidenziare che, in taluni casi, il carburante sottoposto a controllo e successivo sequestro è stato ottenuto miscelando oli di bassa qualità e che pertanto, una volta messo in commercio nei distributori stradali e destinato al rifornimento, avrebbe potuto arrecare gravi danni alle autovetture; intervenire, Sono stati svolti, infine, n. 8 controlli nei confronti dei distributori stradali volti ad accertare il rispetto della normativa sulla disciplina dei prezzi – che impone a ogni singolo operatore, per finalità di tutela del consumatore, la comunicazione dei prezzi del carburante al Ministero dello sviluppo economico – constatando che in n. 6 casi non erano state effettuate le previste comunicazioni. L’attività si inserisce nel più ampio quadro delle azioni svolte dalla Guardia di finanza di Catania a tutela della finanza pubblica, con lo svolgimento di articolate operazioni sul territorio non solo volte a contrastare le più insidiose forme di frode fiscale che ledono gli interessi finanziari dello Stato, ma anche verificare il regolare funzionamento dei sistemi di erogazione, la qualità del prodotto venduto e il rispetto della normativa in tema di trasparenza dei prezzi al consumatore.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario





CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617
Direttore Cesare Sciabarra'
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata