Notizie | Commenti | E-mail / 10:11
                    








Allarme maltempo in Sicilia, stop alla raccolta delle olive

Scritto da il 29 settembre 2022, alle 06:58 | archiviato in Cronaca, cronaca sicilia, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

“Stop alla raccolta delle olive laddove è iniziata, soprattutto nella Sicilia orientale e preoccupazione per l’allagamento dei terreni trasformati in vere e proprie paludi”. Lo afferma Coldiretti Sicilia che sta monitorando la situazione in tutta l’Isola dove piove da ore seppur a macchia di leopardo, peggiorando soprattutto nelle zone interne la situazione già tragica delle strade dove si moltiplicano gli smottamenti.

“Siamo di fronte alle conseguenze dei cambiamenti climatici – sottolinea Coldiretti Sicilia – dove l’eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo”.

“L’agricoltura è l’attività economica che più di tutte le altre vive quotidianamente le conseguenze di questi i cambiamenti, ma è anche il settore più impegnato per contrastarli – conclude Coldiretti Sicilia –. Si tratta di una nuova sfida per le imprese agricole che devono interpretare le novità segnalate dalla climatologia e gli effetti sui cicli delle colture, sulla gestione delle acque e sulla sicurezza del territorio”.

L’aiuto con l’ultima misura
Che il settore dell’olivicoltura sia in difficoltà è risaputo. Nel luglio scorso sono stati stabiliti degli aiuti statali finalizzati al rilancio della filiera olivicola nazionale e al sostegno della prossima campagna olearia italiana. L’iniziativa è del ministero delle Politiche agricole e della Cassa depositi e prestiti.

Si tratta di un fondo di garanzia di oltre 6,9 milioni di euro, controgarantito dal ministero e gestito dal consorzio fidi ConfeserFidi, per facilitare l’accesso a finanziamenti bancari di importo compreso fra 50mila e 2,5 milioni di euro ciascuno per una durata fino a 12 mesi, assistiti da una garanzia aggiuntiva per l’80% prestata da ConfeserFidi. Il totale di prestiti attivabili ammonta a oltre 140 milioni di euro. Le somme possono essere impiegate come attivo circolante per l’acquisto di scorte di olio e di olive “made in Italy” presso i piccoli conferitori e produttori soci.





   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.




Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617
Direttore Cesare Sciabarra'
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata