Il giudice monocratico del tribunale di Agrigento Sabrina Bazzano ha disposto l’assoluzione “per non avere commesso il fatto” nei confronti di tre imputati accusati di furto aggravato di acqua. Altri due imputati sono deceduti prima della conclusione del processo.

La vicenda scaturisce da un controllo effettuato da Girgenti Acque e dai carabinieri il 22 maggio 2015 in una palazzina nel quartiere di Monserrato. L’ipotesi era quella che gli imputati avessero realizzato un allaccio abusivo alla rete idrica. La difesa, sostenuta in aula dall’avvocato Davide Casà, è riuscita a dimostrare che non vi era stata alcuna manomissione dei contatori.