Il bonus fino a 1.049 euro (in alcuni casi anche più alto) per i genitori che sostengono le spese dei figli è un sostegno economico importante per fronteggiare i costi sempre crescenti legati all’essere genitori. Questo bonus viene riconosciuto annualmente in sede dichiarazione dei redditi e si aggiunge ad altri benefici già esistenti come l’assegno unico, l’assegno di maternità dei comuni e il bonus asilo nido. Vediamo nello specifico a chi spetta e come si può richiedere.

Spesa annua per figlio
La cifra che si spende annualmente per un figlio, dalla nascita al momento che diventa adulto e indipendente economicamente, è difficilmente calcolabile. Escludiamo i beni di prima necessità come il cibo, l’alloggio e il vestiario. Un genitore deve sostenere le spese per la scuola, per eventuali passioni musicali, per lo sport, per la salute, per l’abbonamento dei mezzi di trasporto. A tutto questo si aggiungono le spese per i giocattoli quando sono piccini e per le uscite con gli amici e il pieno di carburante per l’auto quando sono più grandi.

Ovviamente lo Stato non può venire incontro a quelle che sono le spese ludiche o per i divertimenti, ma certamente può dare una mano per le altre tramite le detrazioni al 19%.

Come calcolare la somma
Un bonus da 1.049 euro, significa uno sconto sull’Irpef di una somma uguale che, nel caso di lavoratori dipendenti e pensionati, equivale a un rimborso da avere in busta paga o sul cedolino della pensione. Come si arriva a questa cifra? Basta sommare il massimo ottenibile da ognuna delle detrazioni che spettano per i figli e proprio in questo senso procederemo.

Detrazione al 19% e spese d’istruzione per figlio
Per chi ha figli piccoli che frequentano l’asilo nido, è possibile fruire di una detrazione al 19% su una spesa massima di 632 euro l’anno. La detrazione non può essere calcolata sulle spese che poi vengono ammortizzate con il bonus asilo nido e quindi è fruibile per la parte eccedente rimborsata dal bonus o nel caso non si possa fruire di esso. Il beneficio ricavabile dalla detrazione sul massimo di 632 euro è pari a 120.08 euro.

Per chi ha figli che studiano, dalla scuola dell’infanzia alla scuola secondaria di secondo grado (scuole superiori) è prevista una detrazione al 19% su una spesa massima di 800 euro per ogni figlio. In questa spesa rientra oltre le eventuali spese di iscrizione e frequenza, anche la mensa scolastica, i viaggi di istruzioni, il pre e il post scuola, l’assistenza al pasto e anche l’eventuale costo di corsi pomeridiani organizzati dalla scuola per l’ampliamento dell’offerta formativa. In questo caso il beneficio massimo che si può avere per ogni figlio è di 152 euro.

Detrazione attività sportiva
Altre due voci di spesa che quasi tutte le famiglie si trovano a sostenere sono relative allo sport dei figli e al trasporto pubblico. Per quel che riguarda l’attività sportiva è possibile avere una detrazione al 19% su una spesa massima per ogni figli di 210 che equivale a un beneficio di 39.9 euro.

Per quel che riguarda il trasporto pubblico la detrazione al 19% spetta su una spesa massima di 250 euro e restituisce, quindi, uno sconto dall’Irpef pari a 47,5 euro.

Detrazione per conservatorio e formazione artistica
Per i ragazzi che sono portati per la musica è possibile portare in detrazione, sempre al 19%, un massimo di 1.000 euro di quanto speso per l’iscrizione annuale a conservatori di musica, istituti di alta formazione artistica, musicale e coreutica, scuole di musica accreditate, cori, bande. La detrazione è riconosciuta per figli di età compresa tra 5 e 18 anni ed equivale a uno sconto dall’Irpef massimo di 190 euro.

Detrazione spese universitarie
Sono previste anche detrazioni per l’iscrizione e la frequenza dell’Università che, per gli Atenei pubblici, sono consentite sull’intera spesa sostenute (non essendoci un massimo non possiamo calcolare quanto spetta per ogni figlio). In ogni caso per gli studenti universitari è prevista anche una detrazione al 19% per le spese sostenute per l’alloggio fuori sede su una spese massima di 2.633 euro ch equivale a uno sconto di imposta di 500,27 euro.

La somma delle detrazioni
In caso si considerino tutte le detrazioni disponibili, come ad esempio la detrazione per l’asilo nido di 120.08 euro, la detrazione per le spese di istruzione di 152 euro, la detrazione per lo sport di 39.9, la detrazione per il trasporto pubblico di 47.5 euro, la detrazione per i conservatori e le scuole di musica di 190 euro e la detrazione per l’affitto degli studenti fuori sede di 500,27 euro, si otterrebbe complessivamente una cifra di 1.049.75 euro che potrebbe essere sottratta dall’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) dovuta. Questo importo potrebbe aumentare ulteriormente se si aggiungono anche le detrazioni per l’iscrizione e la frequenza dell’università.