Notizie | Commenti | E-mail / 06:19
                    








Castrofilippo, migranti si barricano in comunità: “vogliamo Sky, abiti griffati e wi-fi”

Scritto da il 3 aprile 2015, alle 06:48 | archiviato in Castrofilippo, Costume e società, Cronaca, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Carabinieri-nuova19 L’acquisto di abiti griffati, l’installazione nelle camere della tv satellitare (Sky) per intenderci e del wi-fi per connettersi ad internet. Per rivendicare queste richieste, ieri mattina una ventina di cittadini stranieri tra cingalesi e senegalesi, tutte persone rifugiate o richiedenti asilo politico ospiti di una struttura di accoglienza che ha sede in via Nazionale e gestita dalla cooperativa Omnia di Favara, hanno dato vita a una veemente protesta. Tutto ha avuto inizio nelle prime ore del mattino quando gli ospiti della struttura si sono barricati in casa senza consentire a nessuno della cooperativa di accedere all’interno dell’immobile. In via Nazionale, sono quindi arrivati i carabinieri della Compagnia di Canicattì ed i colleghi delle stazioni di Castrofilippo e Racalmuto. In tutto una quarantina di militari dell’arma che durante le operazioni sono stati coordinati dal Capitano Salvatore Menta, comandante della Compagnia. I carabinieri, grazie all’aiuto di un interprete hanno ascoltato le richieste degli stranieri giunte sulle coste della Sicilia nei mesi scorsi con i tanti barconi carichi di profughi intercettati nelle acque del mediterraneo. La «trattativa» è durata qualche ora ed ha fatto registrare toni abbastanza accesi ma non si sono registrati disordini particolari. Poi, forse il timore degli immigrati, per l’alta presenza di forze dell’ordine li ha fatti desistere dal continuare. Soltanto nella tarda mattinata, le barricate sono state rimosse dagli immigrati permettendo in questo modo l’accesso all’interno della struttura dei carabinieri e degli addetti della cooperativa che li ospita. Questa è la seconda protesta nel giro di pochi mesi compiuta all’interno del centro. Lo scorso mese di gennaio, infatti, gli immigrati avevano danneggiato mobili e suppellettili scaraventandoli fuori dai balconi e dalle finestre. In quella occasione chiedevano che le autorità italiane accelerassero l’iter per il riconoscimento dello status di rifugiato.
Carmelo Vella



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



3 Risposte per “Castrofilippo, migranti si barricano in comunità: “vogliamo Sky, abiti griffati e wi-fi””

  1. fabio ha detto:

    Metteteli a lavorare nei campi a sti indegni!!!frustate….ci vogliono le frustate!!!

  2. lulupu ha detto:

    Un calcio in culo no e poi rimandarli al loro paese e una idea

  3. fabio ha detto:

    Rispolveriamo i manganelli!

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario





CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617
Direttore Cesare Sciabarra'
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata