Notizie | Commenti | E-mail / 21:24
                    








Il Covid ammazza il settore ristorazione, in Sicilia chiuse 837 attività nel 2020

Scritto da il 27 maggio 2021, alle 06:02 | archiviato in Economia, Photo Gallery, Politica, politica sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

A fronte di 23.293 imprese legate al mondo della ristorazione attive in Sicilia nel 2020, si è registrato, sul fronte della nati-mortalità delle stesse, il saldo negativo di 837 unità. In 837 hanno cessato la propria attività. Emerge dal rapporto annuale Fipe, aggiornato al 31 marzo 2021, quindi comprendendo in pieno il periodo Covid, redatto dall’ufficio studi di Confcommercio nazionale e reso noto dal presidente regionale Fipe Sicilia, Dario Pistorio, con il presidente regionale Confcommercio Sicilia, Gianluca Manenti.
Sono 837 le attività della ristorazione che, in complessivo, hanno cessato l’attività nel 2020. Per quanto riguarda i bar, 361 le attività che hanno chiuso i battenti. I ristoranti e le attività di ristorazione mobile che hanno cessato l’attività sono 472 (43 società di capitali, 72 società di persone, 355 ditte individuali). Con riferimento a mense e catering, il rapporto di nati-mortalità è pari a -4.
Il Covid influisce sulle chiusure
“Le aziende della filiera sono concordi nell’affermare – chiarisce Pistorio facendo riferimento alle interviste che corredano lo studio – che il settore chiuderà il 2021 con un risultato negativo rispetto ai livelli pre-Covid del 2019. In particolare, la maggior parte degli intervistati (55%) ritiene che l’evoluzione attesa per il 2021 sarà pari a circa il -20% rispetto al 2019. Al di là della previsione sul numero, emerge chiaramente come sul 2021 permanga un clima di grande incertezza sulla tempistica della “ripresa”, i dubbi non sono tanto sulla fiducia che i consumatori abbiano voglia di tornare al “fuori casa” quanto sulla tempistica delle misure di contenimento del Covid (come ad esempio orari di apertura, distanziamento, coprifuoco) previste e frequentemente riviste ed aggiornate”.
Incertezza sul futuro
“Per quanto riguarda, invece, il ritorno ai livelli pre-Covid del 2019, esiste ancora grande incertezza – sottolinea dal canto suo il presidente regionale Confcommercio Sicilia, Manenti – circa il 70% degli intervistati si divide tra chi ritiene che questo sarà possibile già nel 2022 (36%) e chi invece ipotizza che avverrà solo nel 2023 (36%). Esiste tuttavia una quota rilevante di esperti che pensa non si riuscirà a tornare a livelli pre-Covid prima del 2024. Per tutti, le stime sono fortemente legate alle tempistiche di uscita dallo stato di emergenza sanitaria e, di conseguenza, al successo della campagna vaccinale e alla mancanza di ulteriori ondate pandemiche”.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata