Notizie | Commenti | E-mail / 11:42
                    








Con il covid crollo di turismo e imprese in Sicilia: il rapporto di Bankitalia

Scritto da il 20 giugno 2021, alle 06:34 | archiviato in Cronaca, cronaca sicilia, Economia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Il Covid ha presentato un conto salatissimo al sistema economico siciliano, sebbene con risultati differenziati tra i principali settori. La Sicilia e’ stata sottoposta per oltre 10 settimane (9 in media le regioni italiane) a vincoli di mobilita’ e di chiusura delle attivita’ commerciali e ricettive molto o relativamente stringenti (zone rossa e arancione). Anche nell’Isola, come nel resto del Paese – sottolinea il rapporto sull’Economia siciliana della Banca d’Italia – l’emergenza sanitaria ha causato una contrazione dell’economia di dimensioni mai rilevate dal dopoguerra a oggi; in base alle stime di Prometeia nel 2020 il Pil regionale, dopo la sostanziale stazionarieta’ dell’anno precedente, si sarebbe ridotto dell’8,4 per cento (-8,9 in Italia). Secondo l’Indicatore trimestrale dell’economia regionale della Banca d’Italia, il forte calo del prodotto registrato nel secondo trimestre si e’ successivamente attenuato; tuttavia nell’ultimo trimestre dell’anno, in concomitanza con le nuove misure restrittive alla mobilita’ e alle aperture degli esercizi commerciali, la contrazione e’ tornata ad accentuarsi.

LE IMPRESE Le restrizioni all’attivita’ economica hanno avuto un impatto eterogeneo tra i settori produttivi. Nell’industria e nelle costruzioni il calo della produzione si e’ concentrato nel secondo trimestre dell’anno, a causa del blocco delle attivita’ non essenziali; la ripresa che si e’ manifestata nei mesi successivi non e’ stata pero’ in grado di compensare tale riduzione. Nei servizi privati non finanziari la contrazione dell’attivita’ ha interessato anche la seconda parte dell’anno, in connessione con le limitazioni imposte a seguito della ripresa dei contagi nell’autunno del 2020. Il turismo e’ stato particolarmente colpito dalla crisi innescata dall’epidemia di Covid-19. Nel decennio precedente l’insorgere della pandemia, il miglioramento delle condizioni economiche e finanziarie delle imprese del comparto ne aveva accresciuto il grado di resilienza di fronte a shock esterni. La pandemia e le misure per farvi fronte si sono pero’ riflesse, nel 2020, in un drastico calo delle presenze turistiche nell’Isola; la contrazione, piu’ forte rispetto a quella media nazionale, e’ stata piu’ marcata per la componente straniera che ha mostrato una limitata capacita’ di ripresa nei mesi estivi, quando si era verificato un allentamento delle restrizioni. Le esportazioni di merci si sono significativamente ridotte, sia per il comparto petrolifero sia per il complesso degli altri settori; la spesa per investimenti delle imprese e’ diminuita. L’incertezza sui tempi e l’entita’ della ripresa condiziona le aspettative per l’anno corrente, che rimangono improntate alla cautela. Nel complesso del 2020 il calo dei fatturati ha determinato un peggioramento delle condizioni economiche e finanziarie delle imprese. La redditivita’ si e’ nettamente ridotta, mentre la crescita dell’indebitamento ha interrotto il processo di deleveraging in atto da oltre un decennio. I prestiti bancari al settore produttivo hanno ripreso a crescere, interrompendo un calo che durava quasi ininterrottamente dal 2012; l’espansione e’ stata robusta ed e’ stata sostenuta dalle misure straordinarie di sostegno al credito. L’aumento dei finanziamenti ha riflesso il significativo incremento della domanda di fondi da parte delle imprese, da un lato per soddisfare il fabbisogno di liquidita’ dovuto al calo dei flussi di cassa, dall’altro per costituire riserve precauzionali volte a fronteggiare l’incertezza sulle prospettive economiche. Ne e’ conseguito un incremento dei depositi bancari.

IL MERCATO DEL LAVORO Le ripercussioni sul mercato del lavoro della pandemia e delle misure adottate per il suo contenimento sono state consistenti. Dopo la forte contrazione del numero di occupati nel secondo trimestre del 2020, si e’ osservato solo un parziale recupero nei trimestri successivi; nell’anno e’ diminuito sia il numero di lavoratori autonomi sia, piu’ marcatamente, quello dei dipendenti a termine. Nel settore privato non agricolo sono state create nuove posizioni lavorative alle dipendenze, ma in numero inferiore rispetto a quelle del 2019. I contratti a tempo indeterminato hanno fornito un contributo positivo grazie soprattutto a un numero piu’ contenuto di cessazioni; il contributo dei contratti a termine e’ stato invece negativo. Il numero di posti di lavoro attivati si e’ notevolmente ridotto per i piu’ giovani e per le donne. Gli effetti della crisi sanitaria sul mercato del lavoro sono stati comunque attenuati dalle politiche di sostegno pubblico; per l’occupazione alle dipendenze si e’ fatto un ampio ricorso alle misure di integrazione salariale, in connessione con il blocco dei licenziamenti. Il tasso di disoccupazione si e’ ridotto in ragione della minore partecipazione al mercato del lavoro e del conseguente aumento dell’inattivita’, che in regione era gia’ su livelli rilevanti prima della pandemia.

LE FAMIGLIE L’impatto della crisi pandemica sulle condizioni economiche delle famiglie siciliane e’ stato intenso e ha determinato un ampliamento della disuguaglianza del reddito da lavoro per l’aumento dell’incidenza dei nuclei non percettori. Tuttavia, nel complesso il calo del reddito disponibile delle famiglie e’ stato attenuato dagli ammortizzatori sociali e dalle misure di sostegno. Nel 2020 e’ aumentato il numero di famiglie che ha beneficiato del Reddito o della Pensione di cittadinanza; considerando anche il reddito di emergenza, introdotto a seguito della crisi sanitaria, in Sicilia, alla fine del 2020, circa una famiglia su sette percepiva un supporto economico. I consumi si sono ridotti sensibilmente, riflettendo la chiusura delle attivita’ non essenziali e il timore dei contagi; ne e’ conseguito, anche per motivi precauzionali, un incremento del risparmio finanziario, soprattutto sotto forma di liquidita’ detenuta sui depositi bancari e postali. La crescita dei prestiti alle famiglie, in atto da un quadriennio, nel 2020 ha subito un brusco rallentamento che ha riguardato prevalentemente il credito al consumo; vi ha inciso in particolare il calo della spesa delle famiglie. La domanda di mutui ha risentito del sostanziale blocco delle compravendite nella prima parte dell’anno, mentre nell’ultimo trimestre le erogazioni di nuovi finanziamenti sono aumentate notevolmente, beneficiando della riduzione dei tassi di interesse. Nel complesso l’incidenza del debito sul reddito delle famiglie, seppure lievemente in crescita, rimane su valori contenuti e l’ulteriore ricomposizione dei prestiti verso mutui a tasso fisso riduce i rischi che potrebbero provenire da un rialzo dei tassi.

IL MERCATO DEL CREDITO. Nel 2020 e’ proseguito il processo di consolidamento del sistema bancario regionale e il numero degli sportelli, in calo da oltre un decennio, si e’ ulteriormente ridotto. Alla razionalizzazione della rete distributiva si e’ accompagnata l’ulteriore diffusione dei canali digitali nell’erogazione dei servizi finanziari. Una quota rilevante delle banche operanti in regione ha fatto ampio ricorso all’apertura delle dipendenze su appuntamento ed e’ sensibilmente aumentata la diffusione del lavoro agile presso il personale bancario; queste modalita’ di svolgimento dell’attivita’ hanno facilitato l’applicazione delle misure di distanziamento sociale adottate per contrastare l’epidemia. I prestiti all’economia siciliana sono tornati a crescere in misura sostenuta, sospinti dall’accelerazione dei finanziamenti alle imprese che hanno beneficiato degli schemi pubblici di garanzia e delle moratorie; i prestiti alle famiglie sono invece aumentati debolmente.Le misure messe in campo dalle autorita’ per il sostegno alle famiglie e alle imprese hanno temporaneamente attenuato l’impatto della pandemia sulla qualita’ del credito. Nel 2020 i principali indicatori che misurano il deterioramento dei prestiti hanno registrato ancora valori contenuti nel confronto storico; vi ha contribuito anche la flessibilita’ nell’applicazione delle regole prudenziali per la classificazione dei finanziamenti. Tuttavia, le banche hanno aumentato la quota di finanziamenti in bonis classificati allo stadio 2, ossia caratterizzati da un peggioramento del rischio di credito e, in presenza di elevata incertezza sull’evoluzione del contesto macroeconomico, hanno intensificato le rettifiche di valore sui crediti in bilancio. Anche grazie all’impulso di nuovi incentivi fiscali, le dismissioni dai bilanci bancari dei prestiti deteriorati sono proseguite a ritmo intenso.

LA FINANZA PUBBLICA DECENTRATA. Nel 2020 la spesa degli enti territoriali e’ cresciuta. L’aumento delle spese correnti e’ stato sospinto soprattutto dagli interventi di sostegno alle famiglie e alle imprese finalizzati a mitigare l’impatto della pandemia, anche a seguito della rimodulazione di parte dei fondi strutturali europei. La diffusione del Covid-19 si e’ riflessa sui costi dell’assistenza sanitaria, aumentati soprattutto per effetto dei maggiori oneri connessi all’acquisto di beni e servizi e alle assunzioni di personale, prevalentemente con forme di lavoro flessibile. La pandemia ha avuto ripercussioni anche sulle entrate degli enti territoriali, mitigate dall’aumento dei trasferimenti da parte dello Stato.

LA DIGITALIZZAZIONE DELL’ECONOMIA L’emergenza sanitaria ha reso evidente l’importanza dello sviluppo digitale di un territorio, non solo come fattore di competitivita’, ma anche come elemento in grado di consentire la prosecuzione delle attivita’ produttive e di promuovere l’inclusione sociale e didattica. La Sicilia e’ caratterizzata da una dotazione di reti di comunicazione elettronica sostanzialmente allineata alla media nazionale e in alcuni casi anche superiore, ma con una domanda di servizi digitali meno sviluppata, sia presso le famiglie sia presso le imprese. L’incidenza dei cittadini con competenze digitali di base e’ inferiore al dato del Paese, cosi’ come l’adozione di tecnologie digitali da parte del mondo produttivo locale. Nonostante nell’ultimo anno il ricorso al lavoro agile sia notevolmente cresciuto, ha interessato una quota di occupati inferiore alla media italiana, anche a causa della minore specializzazione dell’economia siciliana nei settori a elevato contenuto di conoscenza.

 



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata