Notizie | Commenti | E-mail / 04:52
                    








Camastra: smaltivano rifiuti pericolosi. Sequestrata discarica e beni per 2 milioni di euro

Scritto da il 21 dicembre 2017, alle 11:46 | archiviato in Camastra, Cronaca, IN EVIDENZA, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Il Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri, in collaborazione con personale della Guardia di Finanza Nucleo Polizia Tributaria di Agrigento, ha eseguito il sequestro preventivo di tutti i beni aziendali dell’impresa ”A&G s.r.l.”, con sede a Camastra, avente in gestione la locale discarica, nonché il sequestro per equivalente della somma di euro 2.064.288,27 euro, inclusi contanti, beni immobili, quote societarie e di altro tipo. I beni sequestrati sono nella disponibilità degli indagati Donato D’Angelo, Salvatore Alaimo, Calogero Alaimo, Alfonso Bruno e Pasquale Di Silvestro. Contestualmente, sono state eseguite perquisizioni locali e domiciliari nei confronti dei 7 principali indagati. La complessa indagine, diretta dalla Procura di Palermo- Direzione Distrettuale Antimafia, guidata da Francesco Lo Voi, avviata nel mese di marzo 2014, ha consentito di “delineare il modus operandi di un sodalizio criminale responsabile del reato di traffico illecito di rifiuti, di numerosi reati ambientali nonché dell’illecito configurante la responsabilità ”amministrativa” della società”. In particolare, le investigazioni, svolte anche attraverso attività di intercettazione, hanno dimostrato come “la pratica fraudolenta di declassificazione dei rifiuti costituisse il vero e proprio oggetto sociale perseguito stabilmente dall’impresa di servizi ambientali, con la finalità di ricevere e illecitamente smaltire abusivamente nella discarica ubicata in Camastra rifiuti speciali pericolosi – provenienti praticamente dall’intero territorio nazionale – artatamente ”declassificati” come non pericolosi” Questa operazione è stata possibile “avvalendosi di un laboratorio chimico compiacente ubicato in Catania in grado di manipolare i risultati delle analisi dei campioni di rifiuto con evidenti danni permanenti cagionati oltre che al territorio ed all’ambiente, al servizio pubblico essenziale rappresentato dallo smaltimento dei rifiuti, pericolosi e non, nella provincia agrigentina”, dicono gli inquirenti. L’illecito profitto di questa attività è stato quantificato in 2.064.288,27 euro nel solo periodo oggetto della indagine. L’inchiesta è coordinata dai pm Geri Ferrara e Gualtieri.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario





CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617
Direttore Cesare Sciabarra'
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata