Notizie | Commenti | E-mail / 21:41
                    








Catania, il Nursind vince la causa contro il Cannizzaro: Gli infermieri hanno diritto al cambio camice”

Scritto da il 14 gennaio 2020, alle 06:04 | archiviato in Politica, politica sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Il Nursind Catania vince il ricorso contro l’azienda ospedaliera Cannizzaro per i il riconoscimento del tempo legato al cambio del camice. Il giudice del Tribunale di Catania, II sezione civile-lavoro, Giuseppe Giovanni Di Benedetto, ha accolto l’istanza di una settantina di dipendenti, sostenuti dal sindacato, e ha riconosciuto a ogni infermiere il diritto a ricevere il pagamento di 10 minuti di lavoro per ogni giorno di servizio a partire dal 23 gennaio 2010. Toccherà adesso l’azienda quantificare l’importo sulla base del contratto collettivo. Salvo Vaccaro, segretario territoriale Nursind Catania e vicesegretario nazionale, spiega che “questa è la dimostrazione che le battaglie, condotte con tenacia e lungimiranza portano alla costruzione dei diritti dei lavoratori. Ringraziamo tutti i colleghi che continuano a sostenerci. A loro diciamo di essere sempre orgogliosi di fare il proprio lavoro e di non svendere i mai i propri diritti”.
Secondo il giudice il “lavoro effettivo deve essere inteso come sinonimo di prestazione lavorativa, comprendendovi anche i periodi di mera attesa”. Inoltre per “orario di lavoro si intende qualsiasi periodo in cui il lavoratore sia al lavoro, a disposizione del datore di lavoro e nell’esercizio della sua attività o delle sue funzioni”. Dunque, secondo il tribunale, “l’atto di indossare la divisa, in quanto antecedente all’inizio della prestazione lavorativa e funzionale alla sua corretta esecuzione, deve essere inquadrato non tra le pause lavorative, bensì tra le attività propedeutiche all’esecuzione della prestazione, relative alla cura della persona, certamente necessarie in una attività strettamente connessa all’igiene richiesta nello svolgimento di prestazioni così peculiari quali quelle riguardanti l’ambito sanitario”. Anche perchè, scrive sempre il giudice, c’è la necessità “che, per ragioni igieniche, i dipendenti non indossino gli abiti di lavoro al di fuori dell’ambiente lavorativo, preservandoli così da possibili contaminazioni”. Per cui ogni infermiere ha diritto al pagamento di 10 minuti per indossare il camice.


loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata