Notizie | Commenti | E-mail / 00:24
                    








Canicattì, ha un fratello gemello: assolto uomo riconosciuto dalle immagini di videosorveglianza

Scritto da il 27 giugno 2020, alle 07:16 | archiviato in Canicattì, Costume e società, Cronaca, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

La Corte di Appello di Palermo, Terza Sezione Penale (presidente Antonio Napoli, a latere Anfuso e Russo), in accoglimento dell’appello dell’Avv. Paolo Ingrao, ha annullato la condanna che il Tribunale di Agrigento aveva inflitto ad un uomo di 34 anni, rumeno residente in Canicattì che, nel marzo dell’anno 2015, si era reso responsabile dei reati di danneggiamento aggravato continuato ed ingresso arbitrario in luoghi ove l’accesso è vietato nell’interesse militare dello Stato.

Sulic, nella notte del 20 marzo 2015 si era introdotto all’interno della caserma della Guardia di finanza di Canicattì ed aveva danneggiato alcune autovetture di servizio (un Alfa Romeo 156 ed una Fiat Grande Punto), in uso al corpo militare.

Il mattino successivo, gli agenti della Guardia di Finanza, visionando le immagini registrate dal sistema di videosorveglianza interna, erano riusciti ad estrapolare alcuni fotogrammi che avevano portato, dopo laboriose indagini, all’identificazione e alla denuncia del Sulic.

Successivamente le ulteriori indagini erano state svolte dalla stessa Guardia di Finanza sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Agrigento.

In primo grado, il Giudice monocratico del Tribunale di Agrigento aveva ritenuto l’uomo responsabile dei reati e lo aveva condannato alla pena di cinque mesi e dieci giorni di reclusione.

Ieri la decisione della Corte di Appello che, accogliendo le prospettazioni della difesa, ha assolto il Sulic per non aver commesso il fatto.

Lo stesso, infatti, ha un fratello gemello, anche lui residente in Canicattì e, pertanto, la sola identificazione mediante le immagini – come lamentato dall’avv. Ingrao – non è stata ritenuta sufficiente ad individuare con certezza il responsabile dei reati commessi presso la caserma della Guardia di Finanza.

 



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata