Notizie | Commenti | E-mail / 22:24
                    








Vultur, pagamento spese legali: Prefettura condannata

Scritto da il 1 luglio 2021, alle 06:48 | archiviato in Agrigento, Camastra, Costume e società, Cronaca, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Nuova condanna per la Prefettura di Agrigento nell’ambito del mancato pagamento delle spese processuali all’ex sindaco e al vicesindaco di Camastra, Angelo Cascià e Vincenzo Urso. La vicenda scaturisce dall’inchiesta Vultur a seguito della quale il Ministero dell’interno aveva proposto l’adozione di un decreto di scioglimento del Consiglio comunale per infiltrazioni mafiose, e con separato provvedimento, aveva chiesto, dinanzi al Tribunale civile di Agrigento, l’irrogazione della sanzione della incandidabilità nei confronti del Sindaco, Angelo Cascià, e del Vice Sindaco, Vincenzo Urso, allora in carica presso il Comune colpito dal decreto di scioglimento.

Cascià ed Urso, costituitisi in giudizio con il patrocinio degli avvocati Girolamo Rubino, Massimiliano Valenza e Mario La Loggia, avevano respinto tutte le contestazioni formulate dalla Prefettura di Agrigento, e sostenuto la piena regolarità della gestione amministrativa posta in essere dall’Amministrazione guidata dai sig.ri Cascià ed Urso. Il Tribunale di Agrigento, accertata la totale infondatezza degli addebiti mossi dal Ministero, in piena adesione alle tesi difensive degli avvocati Rubino, Valenza e La Loggia, aveva respinto la proposta del Ministero, condannando l’Amministrazione al pagamento delle spese di lite.

La superiore statuizione veniva poi confermata dalla Corte d’Appello di Palermo che rigettava il reclamo proposto dal Ministero dell’Interno, volto alla riforma del precedente decreto reso dal Tribunale di Agrigento, e condannava la medesima Amministrazione alla refusione di oltre cinquemila euro di spese processuali, in favore di Cascià ed Urso. La Prefettura di Agrigento, tuttavia, non provvedeva a liquidare le suddette somme così costringendo Cascià ed Urso a ricorrere nuovamente in giudizio, sempre assistiti dagli avvocati Girolamo Rubino e Massimiliano Valenza, al fine di ottenere l’esecuzione del suddetto decreto nella parte in cui, appunto, la Corte di Appello di Palermo, confermando il precedente reso dal Tribunale di Agrigento, aveva condannato il Ministero al pagamento, in favore di Angelo Cascià e Vincenzo Urso, delle spese di lite.

Nelle more del giudizio di ottemperanza, la Prefettura di Agrigento provvedeva alla refusione delle spese processuali dovute in esecuzione del predetto giudicato reso dalla Corte di Appello di Palermo. Pertanto, i legali Rubino e Valenza dichiaravano in giudizio l’intervenuta cessazione della materia del contendere, insistendo, tuttavia, in applicazione del principio della soccombenza virtuale, nella richiesta di condanna dell’Amministrazione resistente al pagamento delle spese del giudizio di ottemperanza ed alla refusione del contributo unificato, avendo l’amministrazione adempiuto successivamente alla proposizione del ricorso.

Il T.A.R. Sicilia – Palermo, preso atto dell’intervenuto pagamento, da parte della Prefettura di Agrigento, delle spese di lite liquidate con il decreto della Corte di Appello di Palermo, ha dichiarato la cessazione della materia del contendere, condannando l’amministrazione resistente alla refusione, in favore di Angelo Cascià e  Vincenzo Urso, delle spese del giudizio di ottemperanza e del contributo unificato, in applicazione dell’invocato principio della  soccombenza virtuale, come richiesto dagli avvocati Girolamo Rubino e Massimiliano Valenza con l’istanza formula nell’interesse dei propri assistiti.

 



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata